Gb:mariti non puliscono casa, mogli potranno denunciarli

LONDRA – Brutta aria per i mariti nordirlandesi: le mogli stufe di vivere con una persona che non alza un dito per tenere pulita la casa, li potranno portare in tribunale. Secondo il disegno di legge per la prima “carta dei diritti” dell'Irlanda del Nord – presentato oggi alla commissaria per i diritti umani della regione, Monica McWilliams e che verrà in seguito sottoposto al voto dei parlamentari di Westminster – ciascun partner dovrà fare la sua parte nei lavori di casa.



La legge, una delle clausole dell'accordo del Venerdì Santo, equiparerà inoltre le casalinghe a qualsiasi altro lavoratore e darà loro diritto a prendersi una pausa dai lavori di casa. “Tutti i lavoratori, inclusi coloro che lavorano in casa o in un impiego informale, hanno diritto a riposarsi, svagarsi, a fare una pausa e ad un limite ragionevole delle ore di lavoro”, si legge nel documento.

Secondo Austen Morgan, autore dell'analisi legale definitiva dell'accordo del Venerdì Santo, la clausola contro i “partner pigroni” potrà essere utilizzata da chiunque creda che i propri diritti siano stati violati tra le mura domestiche e “apre la possibilità per i partner separati di invocare questa legge nei casi di divorzio in Irlanda del Nord”.

L'anomalia, sostiene tuttavia l'avvocato, sta nel pericolo che una legge come questa finisca con l'invadere la sfera privata degli individui. “Non esiste nulla di simile a quella che stanno introducendo a Belfast”, ha aggiunto Morgan dicendo di aver paragonato la legge ad altre “carte dei diritti” nel resto del mondo.

Fonte: oknotizie.alice.it

Condividi questo articolo