I francesi a tavola Le nove tipologie dei nostri cugini d'oltralpe a tavola!

L'ultima indagine del Crédoc su comportamenti e consumi alimentari (2004) ha individuato nove tipologie di comportamento a tavola da parte dei francesi:

i seniors traditionnels (gli anziani tradizionalisti,17%);

i bon vivant (i gaudenti, 9 %);

i familiaux classiques (i familiari classici, 11%);

gli inquiets pressés (gli ansiosi, 11%);

i solitaires désimpliqués (i singles, 9%);

i décontractés (i distesi, 10%);

gli innovants (gli innovativi, 7%);

gli adeptes de nutrition (gli interessati alla nutrizione, 21%);

gli obsédés de la balance (i maniaci della bilancia, 5%).

Le due ultime categorie sono particolarmente sensibili alla dimensione salutistica dell'alimentazione.

Gli adeptes de nutrition, in maggioranza donne oltre i 45 anni, ricercano un'alimentazione sana ed equilibrata e seguono le novità in campo nutrizionale.

Sono attirati dai prodotti regionali, biologici o, comunque, con chiare etichette informative e pagano benvolentieri per una qualità superiore.

Consumano molta frutta, verdure, pesce, minestre, prodotti lattiero caseari freschi, prodotti a ridotto tenore di grassi, tè e infusi.

Rifiutano i piatti elaborati, le pizze e le torte salate, le bevande zuccherate e i sandwich.

Dedicano più attenzione, tempo ed impegno degli altri alla preparazione e alla durata dei pasti, ma sanno anche accontentarsi di un piatto principale e di un formaggio o di un dessert.

Spendono 261 euro al mese (per unità di consumo con esclusione dei pasti fuori casa) per i prodotti alimentari, contro la media nazionale di 224.

Gli obsédés de la balance sono generalmente donne giovani che vivono in città.

Sono più magri della media: controllano le calorie, praticano sport e diete; privilegiano i contorni, i prodotti arricchiti e gli integratori alimentari.

Rifiutano il pane, i salumi, i formaggi e le patate a favore del latte (ne consumano quattro volte la media delle altre categorie) e dei cereali da colazione (cinque volte tanto).

Mangiano il più rapidamente possibile e raramente a ore fisse, saltano spesso un pasto, consumano frequentemente piatti pronti.

La categoria degli innovants è informata sulle buone abitudini alimentari, ma rinvia la loro applicazione: sono generalmente uomini al di sotto dei 45 anni che vivono nelle grandi metropoli.

Il packaging, l'innovazione, la marca e la novità sono le loro motivazioni d'acquisto; privilegiano i sandwich, le consegne di piatti pronti a domicilio, i pasti veloci anche fuori casa.

Per informazioni:

Centro di ricerca per lo studio e l'osservazione delle condizioni di vita

” Crédoc-Consommation et modes de vie “, n° 186, settembre 2005

sito web: www.credoc.fr

Condividi questo articolo