IL CAFFE' AL BAR COSTA 1.233% IN PIU'. MEGLIO A CASA …

“Aumenta il prezzo del caffé al bar? Prendiamolo a casa, ci costa una infinità in meno”. A spingere sulla moka di casa come strategia anti-rincari è l'Aduc, Associazione per i diritti degli utenti e consumatori, secondo cui “un buon caffé costa al supermercato 10 euro al kg; per una tazzina ne servono 6 grammi, quindi il costo del caffé casalingo è di 0,06 euro, a fronte di un costo medio del caffé al bar di 0,80 euro. Insomma – denuncia l'Aduc – il nostro caffé al bar ci costa il 1.233% in più”.


Con la tazzina di caffè, il giro di affari nei bar italiani, secondo una stima dell'associazione dei consumatori, “ammonta a più di 3 miliardi di euro l'anno. Il costo medio di una tazzina al bar per l'esercente si aggira su 0,20 euro e viene venduta a 0,80, con un ricarico del 300%”.
La risposta dei consumatori all'aumento del prezzo del caffé al bar, propone infine il segretario Aduc Primo Mastrantoni, “dovrebbe essere quella dell'astensione dal consumo e di privilegiare il caffé casalingo. E' l'unico modo che ha il consumatore per far sentire la propria voce, altrimenti – conclude – dovremmo arrenderci all'annunciato aumento”.

Fonte:WineWews

Pubblicato da: fiore

Condividi questo articolo