Il multitasking è donna, ma il giudizio degli altri aumenta lo stress

Non solo sono costrette a occuparsi contemporaneamente di più cose, le donne subiscono anche molto più degli uomini le conseguenze di una giornata affollata di compiti da portare a termine. A dimostrarlo è uno studio pubblicato dall'American Sociological Review, secondo cui a fare la differenza non è la quantità, ma il tipo di impegni di cui le donne e, in particolare, le mamme lavoratrici si devono occupare. “L'esperienza emotiva del multitasking è molto diversa per le madri e per i padri”, spiega Shira Offer, autrice principale della ricerca.

Lo studio ha stabilito che le mamme lavoratrici passano circa 10 ore in più a settimana a fare più cose contemporaneamente rispetto ai papà che lavorano. E mentre per i padri il multitasking è un'esperienza positiva, per le madri è motivo di stress e genera emozioni negative. “La maggior parte dei compiti riguardanti la casa e i figli viene svolta a casa o in pubblico, dove le azioni della madre sono molto visibili alle altre persone – spiega Barbara Schneider, coautrice della ricerca “, rendendoli un'esperienza molto più stressante che per i papà”. Viceversa, aggiunge Offer, “i padri incontrano meno pressioni e sono meno sotto giudizio quando fanno più cose contemporaneamente sia a casa, sia in pubblico”.

La soluzione? “La chiave per il benessere emotivo delle mamme deve essere cercata nel comportamento dei papà ” suggerisce Offer -. L'impegno dei padri nei lavori domestici e nella cura dei figli dovrebbe aumentare ulteriormente”.

di Silvia Soligon

http://salute24.ilsole24ore.com

Condividi questo articolo