Il pericolo? In casa Quattro milioni di incidenti ogni anno

Lo rivela un'indagine del Censis. Ogni anno le famiglie pagano 133 milioni e lo Stato 70

In Italia avvengono ogni anno quasi 4 milioni di incidenti domestici, il 6% dei quali, 241mila, originati da cause elettriche. Di questi ultimi, il 17% (quasi 42mila all`anno) causano infortuni per le persone, il 2,7% (circa 6.500) di una certa gravità (con visite mediche o ricoveri), il 40% (oltre 93mila) provoca danni ad apparecchi elettrici, il 17% (41mila) danni all`abitazione.

Un incidente elettrico su dieci genera un incendio. Nelle abitazioni con impianti non a norma gli incidenti sono più frequenti e più gravi. Negli ultimi cinque anni il 5,8% delle famiglie che vivono in case con impianti non a norma ha avuto un incidente da cause elettriche (contro il 3,2% delle famiglie con impianti a norma) e il 27,7% di questi incidenti ha provocato danni alla salute delle persone (contro il 5,7%). è quanto emerge dal «Libro bianco sulla sicurezza elettrica domestica» realizzato dal Censis per la Fondazione Opificium e per il Consiglio nazionale dei periti industriali e dei periti industriali laureati. Un costo di 204 milioni di euro l`anno. Gli incidenti domestici provocati da cause elettriche determinano ogni anno un costo per la collettività di 204 milioni di euro, di cui 71 milioni a carico dello Stato e 133 milioni a carico delle famiglie.

Ciò significa che ogni incidente costa alla collettività circa 840 euro tra spese di ristrutturazione dell`abitazione, sostituzione di apparecchiature, spese mediche (ricoveri, visite specialistiche, medicine), interventi dei Vigili del Fuoco. La scarsa prevenzione è il vero tassello mancante del sistema della sicurezza. Gli impianti elettrici delle abitazioni italiane sono spesso insicuri. Le case non a norma (cioè prive di impianto a terra e/o interruttore differenziale e altri accorgimenti necessari) sono 8.157.000, pari al 37,7% del totale. Di quelle a norma, solo il 31,8% è in regola a tutti gli effetti, con il certificato di conformità. Così, al 25,8% degli italiani capitano frequentemente interruzioni di corrente nella propria abitazione, il 6,8% dichiara che spesso avvengono cortocircuiti, il 4,7% segnala la presenza di prese non funzionanti.

Fonte: http://city.corriere.it

Condividi questo articolo