IN INVERNO FACCIAMO IL PIENO DI…

La buona tavola invernale: zucca, porro e cavolo broccolo. Tante volte abbiamo sottolineato come la salute sia una condizione psicofisica che si guadagna avendo innanzitutto cura di se stessi, a partire da quanto portiamo sulla nostra tavola.

. In questi ultimi sprazzi d'autunno o, se vogliamo, primi esordi di inverno, dobbiamo cercare di proteggere il nostro fisico dai tipici malanni di stagione: raffreddori, influenze, bronchiti… Il nostro consiglio e' di partire proprio dall'alimentazione, avendo cura di scegliere alimenti di stagione evitando cotture che li privino dei loro preziosi principi nutritivi e senza aggiunta di grassi animali – o comunque senza esagerare con questi ultimi. In particolare oggi vi proponiamo tre signori della buona tavola e tre amici della nostra salute: zucca, porri e broccoli.

Una necessaria premessa: cerchiamo innanzitutto di non 'stressare' il nostro fisico. Troppo lavoro, ansie, stati di affaticamento rendono l'organismo ancor piu' vulnerabile.

ZUCCA

Assoluta protagonista di questa stagione e' sicuramente la zucca. Il suo color arancione parla da solo: quest'ortaggio e' una preziosa fonte di vitamine – in particolare di betacarotene precursore della vitamina A – e sali minerali. Nello specifico la dolce e farinosa polpa di zucca contiene una buona scorta di: vitamine del gruppo B, C ed E; potassio, fosforo, calcio, ferro, zinco e selenio; fibre. La principale virtu' della zucca e' dunque quella di aiutare le difese del nostro organismo, di contrastare l'azione dei radicali liberi. Esercita dunque un'azione antiossidante, contrasta il processo degenerativo dei tessuti. Ma non solo! Oltre ad avere poche calorie – circa 17 per 100 g – insieme ad un buon potere saziante, i sali minerali di cui e' ricca rinforzano e proteggono ossa e muscoli. Ha un blando effetto lassativo, diuretico e vermifugo. La sua polpa puo' essere utilizzata per preparare maschere da applicare sulla pelle: essa infatti nutre, tonifica ed ammorbidisce. Sempre la polpa, una volta ridotta in poltiglia, puo' essere usata per lenire la cute infiammata. I suoi semi, spezzettati ed aggiunti ad una minestra – avendo cura di farli bollire per un poco – rinforzano l'organismo affaticato dai rigori invernali. Sempre i semi vengono utilizzati come vermifughi. Infine anche la buccia della zucca – ben lavata – viene in nostro soccorso: puo' essere applicata sulle piaghette che si formano in caso di scottature di lieve entita' – quando per esempio sfioriamo le resistenze del forno elettrico o la piastra del ferro da stiro!

PORRO

Il porro profumato, oltre ad impreziosire gustose pietanze, e' un ottimo compagno di viaggio per affrontare il gelido inverno. Poche calorie – circa 29 per 100 g -, una buona quantita' di vitamine – in particolare A e C; discreta presenza anche di vitamine del gruppo B – ma soprattutto e& apos; un'ottima fonte di minerali, in particolare fosforo, calcio, ferro, zolfo e magnesio. La sua ricchezza in sali minerali lo rende un ottimo tonico del sistema nervoso, utile dunque per affrontare le fatiche invernali. Esso inoltre esercita anche una blanda azione lassativa, che puo' aiutare in caso di stipsi. Contro le punture d'insetti si strofina la parte bianca del porro leggermente schiacciata, mentre le foglie verdi, ben lavate, si possono applicare su piccole piaghe per favorirne la cicatrizzazione.

CAVOLO BROCCOLO

Il cavolo broccolo e' veramente un dono prezioso che, a dispetto dell'odore poco gradevole quando lo si cucina, oltre ad essere buono e' anche una gustosa “medicina”! Esso infatti e' ricco di: sodio, zolfo – il colpevole del cattivo odore! – fosfati di calcio, magnesio, fosforo, vitamine del gruppo A, C, B1 e B2. I suoi preziosi componenti ne fanno innanzitutto un ottimo antiossidante e dunque un valido alleato contro il processo ossidativo dei tessuti. Agisce inoltre come tonico del sistema nervoso, antinfiammatorio, immunostimolante ed epatoprotettore. Una sua proprieta' che viene sfruttata ormai da tempo e' quella di rinforzare la mucosa dello stomaco; esso e' dunque indicato in caso di ulcera. Un bel piatto di broccoletti, oltre ad agire come potente antiossidante, aiuta a: 'risollevare' il sistema immunitario indebolito, contrastare un processo infiammatorio, risolvere l'affaticamento epatico. Un rimedio tradizionale contro le bronchiti era il decotto preparato con le foglie del cavolo che, una volta filtrato, veniva addolcito con un po' di miele. Un trucchetto per evitare l'odore intenso che si spande per la cucina quando lo cucinate: mettete sopra il coperchio della vostra pentola un batuffolo di cotone o un foglio di carta assorbente intrisi di aceto.

Condividi questo articolo