Inflazione: rallenta l'energia, decollano i medicinali

A novembre rallenta la crescita dei prodotti energetici e accellera il settore dei servizi sanitari e della salute a causa dell'aumento dei medicinali su base mensile del 2,5%. Questi i dati diffusi dall'Istat sui prezzi al consumo di questo mese.

A novembre rallenta la crescita dei prodotti energetici, mentre accelera il comparto degli alimentari e il settore dei servizi sanitari e della salute (+1,3%) . Questi i dati diffusi dall'Istat sui prezzi al consumo di questo mese che precisa: “A trascinare i prezzi di quest'ultimo settore sanitario verso l'alto sono soprattutto i medicinali che aumentano su base mensile del 2,5%”. L'Istituro di ricerca spiega: “Causa dell'aumento è stata la mancata applicazione di uno sconto. Mentre per il settore degli alimentari, che nei mesi scorsi aveva segnato una fase di rallentamento, sembra riprendere, anche se moderatamente, la sua corsa. Su base annua la crescita è pari allo 0,6% mentre rispetto al mese di ottobre l'incremento è dello 0,1%. L'incremento riguarda indifferentemente i beni lavorati e quelli non lavorati. Tra le varie voci in accelerazione gli ortaggi e i legumi freschi (+0,6% su mese)”.

La crescita è più moderata invece per i prodotti energetici che, se su base annua segnano ancora un +9.8%, su mese registrano una diminuzione del 2,2%. A novembre – si legge nella nota – sono aumentate anche le assicurazioni che mostrano un aumento congiunturale dello 0,5%,legato probabilmente agli aumenti del Rc auto. In crescita anche i prezzi della auto che hanno segnato una crescita dello 0,5% su base mensile e del 2,1% su base annua. Diminuiscono infine i prezzi del trasporto aereo (-1,5% su mese).

HC 2005 – redattore: CC

Fonte: Help Consumatori

Condividi questo articolo