Iran, le donne potranno tornare negli stadi di calcio

Il divieto imposto in passato sara' abolito. A confermarlo il presidente Mahmud Ahmadinejad: “Verranno loro riservati posti migliori” Le donne iraniane potranno tornare ad assistere ad una gara di calcio dal vivo.

. Il presidente iraniano, l'ultraconservatore Mahmud Ahmadinejad, ha deciso di levare il bando alla presenza delle donne negli stadi, entrato in vigore dopo la rivoluzione islamica del 1979. Lo scrive l'agenzia Irna. In una lettera inviata a Mohammad Ali-Abadi, responsabile dell'organizzazione statale per lo sport, Ahmadinejad ha ordinato che, “con una corretta pianificazione che rispetti la dignità e l'onore delle donne, i migliori posti negli stadi vengano riservati a donne e famiglie in occasione di partite del campionato nazionale di calcio e altri importanti incontri”. “Contrariamente alla propaganda di alcuni – aggiunge nella sua lettera Ahmadinejad – l'esperienza insegna che la presenza in massa di famiglie e di donne nei luoghi pubblici porta la moralità in quei luoghi& quot;. Non e' ancora chiaro se le donne e le ragazze potranno entrare da sole allo stadio, o accompagnate da padri e mariti, una proposta di cui si e' parlato in passato. Negli ultimi anni gruppi di donne erano stati ammessi ad alcune partite di calcio e altri avvenimenti sportivi nella Repubblica islamica, ma il bando non era mai stato tolto, nonostante gli sforzi dei riformisti vicini all'ex presidente Mohammad Khatami. Gli oppositori a una tale iniziativa hanno spesso motivato la loro posizione con la necessita' di proteggere le donne dalle offese che avrebbero potuto recare loro i comportamenti e gli slogan poco civili di parte delle tifoserie. L'interesse per il calcio, anche tra le donne, ha avuto una crescita esponenziale nella Repubblica islamica, soprattutto da quando, nel 1998, la nazionale torno' a qualificarsi ai Campionati del mondo, disputati quell'anno in Francia, dopo un'assenza di 20 anni. L'Iran, che non era poi riuscito ad entrare nella manifestazione iridata del 2002 in Giappone e Corea del Sud, sarà nuovamente presente ai prossimi mondiali in Germania.

Fonte: Tuo quotidiano

Condividi questo articolo