Jeans: per sempre giovani!

Ogni anno si reinventano e si modellano sul nostro corpo in base ai cambi di moda e di tendenza. Eppure resistono imperterriti: sono i jeans! Simbolo del “way of life” americano, furono tuttavia inventati da un giovane emigrato bavarese: come molti sapranno, si chiamava Levi Strauss, l'inventore dei jeans; correva il 1847. Forse non tutti sanno, però, che il nome “jeans” deriva dal francese “genes”, ossia “genoa”, in riferimento alla tela dei pantaloni indossati dai marinai ai tempi di Colombo.

Paternità genovese che, a dire il vero, non è universalmente riconosciuta, ma che chiaramente nel capoluogo ligure reclamano con veemenza, tanto da lanciarsi, qualche anno fa, in un'impresa da guinness. Nel novembre del 2004 fu infatti realizzato a Genova un “jeans da record”, alto 18 metri, e rattoppato con addirittura 600 paia di jeans di taglia normale. 

In verità il famigerato “genes”, noto anche come blu di Genova, sarebbe stato una specie di fustagno blu che veniva prodotto nella cittadina di Chieri, nei pressi di Torino, che nel 15esimo secolo veicolava questo materiale alla volta di Genova, da cui salpava poi verso il resto del mondo. Il suo primo uso: rivestire le vele delle navi e coprire/ proteggere le merci depositate nei porti. Il termine inglese “jeans”, volto a identificare la tela blu di Genova, fu invece introdotto soltanto nel 1567. Un'etimologia dunque molto particolare, arricchita nel tempo dal susseguirsi delle mode, dalla “zampa d'elefante” allo “stone washing”, ovvero sia la moda di trattare e “invecchiare” i jeans: una vecchiaia tuttavia apparente, per uno status quo senza tempo.

Fonte: www.lottomaticaitalia.it

Condividi questo articolo