La famiglia cambia menù alimentare e sceglie le promozioni

La famiglia italiana cambia menù, riduce la spesa, è sempre più attenta alle promozioni e alle offerte e acquista di più nei discount. I cali più accentuati sono nell'acquisto dei derivati dei cereali, della carne bovina, di olio d'oliva e vini. “La crisi economica fa sentire ancora i suoi effetti e gli acquisti delle famiglie italiane rimangono frenati.

Le previsioni per quest'anno parlano, dunque, di una sostanziale stabilità (un lieve aumento tra lo 0,2 e lo 0,4 in quantità rispetto al 2008)”: è quanto sottolinea la Cia-Confederazione italiana agricoltori in base anche all'ultima indagine sulle tendenze agroalimentari dell'Ismea.

Il consumatore è dunque cauto, fa più ricorso alle promozioni e alla convenienza dei canali di acquisto. “Anche davanti a prezzi che non hanno subito rincari, sussiste un clima d'attesa e non s'intravede un riorientamento della composizione di spesa verso un carrello complessivo di maggior valore, anzi il fenomeno a cui si assiste da tempo è un impoverimento del “budget” di spesa”, rileva ancora la Cia. E dunque quattro famiglie su dieci hanno tagliato drasticamente la spesa alimentare. Il 60% ha cambiato menù, mentre il 35% è stato costretto ad optare per prodotti di qualità inferiore. Per mangiare, comunque, si continua a spendere di più al Centro e al Sud che al Nord.

2009 – redattore: BS

Fonte:helpconsumatori.it

Condividi questo articolo