Le massaie sono «on air» Sul web è nata radio Moica

La nascita grazie al contributo delle istituzioni. In onda 24 ore al giorno con tante notizie e musica. Molto spazio sarà dedicato agli approfondimenti.

Brescia. Le casalinghe d'Italia sono «on air». è nata Radio Moica, la web radio delle casalinghe italiane. L'identikit della donna di casa con i «bigodini in testa e lo spazzettone in mano» è acqua passata, oggi la casalinga è la «manager dell'azienda familiare». E la sua voce è in radio.
Il sito del Movimento Italiano Casalinghe (www.moica.it) ospita la web radio che, 24 ore su 24, trasmette interviste, collegamenti, rubriche sul «pianeta casalinghe».

Il tutto narrato dalla voce della giornalista Lidia Bordiga. «Essendo una web radio chiunque abbia acceso un computer, può cliccare sul nostro sito e ascoltare i nostri programmi» spiega Tina Leonzi, presidente nazionale Moica.
Il palinsesto darà spazio alla dilvulgazione delle iniziative del Moica in tutto il Paese, da quelle formative a quelle artistiche ed educative e alla promozione sociale della donna nell'ambito familiare. Nelle trasmissioni interverranno i rappresentanti di enti e istituzioni per informare su iniziative di valorizzazione e tutela dell'ambiente, dell'arte, della cultura e del tempo libero come vuole lo statuto del movimento.

Nella web radio del Moica – realizzata anche grazie al contributo della Provincia di Brescia, del Comune di Brescia, Fondazione Asm, Comunità Montana Valle Camonica e Comuni di Borgo San Giacomo e Chiari – non manca poi la musica: un brano musicale segue sempre un' intervista o un collegamento. Nella programmazione c'è spazio anche per rubriche ad hoc; in studio la speaker Lidia Bordiga porrà domande a figure speciliazzate, come per esempio avvocati e psicologi, su tematiche che interessano le casalinghe ma non solo.

 Uno dei principali obbiettivi della web radio del movimento è quello di arrivare anche alle orecchie di chi lavora «fuori casa».
«Il sapere delle casalinghe il più delle volte è tenuto nascosto ma attraverso questo nuovo strumenti potrà essere a disposizione di tutti» afferma Camilla Occhionorelli, vice presidente nazionale del Moica. S.GHI

www.bresciaoggi.it

Condividi questo articolo