LEUCEMIA INFANTILE, ATTENZIONE AI PESTICIDI CASALINGHI

Attenzione all'uso dei pesticidi casalinghi: uno studio della Georgetown University Lombardi Comprehensive Cancer Center ha messo in relazione la leucemia infantile con la presenza di tracce elevate di pesticidi usati in casa nelle urine dei bambini malati.

 Lo studio, pubblicato sul numero di agosto di Therapeutic Drug Monitoring, ha messo a confronto campioni di urine di bimbi con la leucemia linfoblastica acuta (ALL) e le loro madri con bambini sani e le loro madri. “Abbiamo trovato elevati livelli di pesticidi comuni casalinghi piu' frequentemente nelle coppie madre-figlio colpite dal cancro”, ha spiegato Offie Soldin, l'epidemiologo che ha guidato la ricerca. “Non dobbiamo affermare che i pesticidi hanno causato il cancro, ma certo la nostra scoperta conferma che c'e' bisogno di piu' robuste ricerche in questo senso” . Tra il gennaio 2005 e il gennaio 2008, lo studio ha tenuto d'occhio 41 coppie di bambini affetti da ALL con le loro madri, e altrettante coppie sane; i pesticidi sono stati trovati in oltre la meta' dei partecipanti allo studio, ma i livelli di due metaboliti dietilati – il dietiltiofosfato (DETP) e il dietilditiofosfato (DEDTP)- era “piu' alto nei bambini con la ALL”. I pesticidi che sono nell'ambiente possono facilmente essere assunti tramite la respirazione o la pelle. Circa il 33 per cento delle madri con bimbi affetti da tumore usava i pesticidi in casa.

(AGI/AFP) – Washington, 30 lug. -

Fonte: agi.it

Condividi questo articolo