L'Ici sale per mari e monti

Turismo di lusso e bellezze naturali fanno ricche le casse dei Comuni. Alcune delle più belle località d'Italia, da Portofino a Sestriere, figurano in cima alla lista dei Comuni che registrano i maggiori incassi dall'Ici rispetto alla popolazione residente.


E' quanto risulta da una classifica elaborata dal Cresme, il centro ricerche economiche sociali di mercato per l'edilizia e il territorio, sulla base degli ultimi dati disponibili relativi alle entrate Ici.
Il mare e le montagne dunque risultano “risorse decisive – evidenzia il Cresme – se collegate ad uno sviluppo edilizio di qualità, ma anche di gestione intensiva, razionale, del proprio territorio”.

Tra i comuni più piccoli – fino a 5.000 abitanti – sono Portofino e Sestriere a guidare questa speciale classifica con oltre 2.000 euro a residente (2.452,7 per il comune ligure che guida la classifica).
Tra quelli con oltre 5.000 abitanti sono Cortina d'Ampezzo e Lignano Sabbiadoro a registrare livelli equivalenti, garantendosi complessivamente entrate ancora più rilevanti.
“La localizzazione geografica, coste e rilievi, seleziona anche tra i comuni di medie e grandi dimensioni: le coste liguri ed emiliano romagnola – si legge nel rapporto – si trasformano in valore immobiliare e in risorse importanti per le amministrazioni locali fino a 50.000 abitanti”.

Diverso invece il discorso per i comuni più grandi, così come per i capoluoghi di provincia e i comuni metropolitani. La densità di popolazione e il valore pro-capite delle riscossioni Ici hanno un andamento inverso: minore la popolazione, maggiore il carico Ici sulle spalle di ciascun residente. In questo caso – evidenziano i ricercatori – è l'efficacia degli strumenti di rilievo catastale e l'efficienza amministrativa, unitamente alla densità abitativa, a giocare un peso determinante. ” Qui Nord e Sud riconfermano la loro profonda lontananza”, commenta il Cresme.
Al primo posto Bologna con 310,4 euro procapite, seguita da Torino e Milano. Roma è a metà classifica con 195,6 euro, chiude Bari con 115,4 euro.

Ecco di seguito la top-ten delle maggiori entrate Ici, a seconda delle dimensioni dei Comuni: il valore delle entrate Ici, in euro, è pro-capite sulla popolazione residente (Fonte: Cresme).

COMUNI FINO A 5.000 ABITANTI COMUNI DA 5.001 A 10.000 AB.
Portofino (Ge) 2.452,7 Lignano S. (Ud) 1.178,5
Sestriere (To) 2.344,6 Cortina D'A. (Bl) 1.176,1
Madesimo (So) 1.729,0 Montalto di C.(Vt) 867,2
Maccagno (Va) 1.358,9 Castiglione d.P.(Gr) 747,9
Moggio (Lc) 1.296,3 Sarroch (Ca) 696,4
Ceresole R. (To) 1.264,1 Bardolino (Vr) 494,5
Tronzano L.M.(Va) 1.219,4 Forte dei Marmi (Lu) 462,3
Entracque (Cn) 1.173,8 Capri (Na) 406,9
Balocco (Vc) 1.172,9 Lazise (Vr) 403,0
Courmayeur (Ao) 1.117,1 Misano A. (Rn) 386,9

COMUNI DA 10.001 A 50.000 AB. COMUNI OLTRE 50.000 ABITANTI
Arenzano (Ge) 511,3 Viareggio (Lu) 303,8
Alassio (Sv) 489,3 Carpi (Mo) 258,6
Lerici (Sp) 414,4 Moncalieri (To) 217,6
San Michele T.(Ve) 403,8 Fiumicino (Rm) 192,5
Riccione (Rn) 394,1 Rho (Mi) 192,4
Bellaria I. M.(Rn) 394,0 Faenza (Ra) 187,9
Cervia (Ra) 383,7 Imola (Bo) 183,9
Rapallo (Ge) 382,8 Monza (Mi) 178,8
Comacchio (Fe) 377,2 Legnano (Mi) 177,3
Portoferraio (Li) 336,8 Rivoli (To) 173,2

COMUNI CAPOLUOGO PROVINCIA COMUNI METROPOLITANI
Padova 282,8 Bologna 310,4
Biella 280,7 Torino 247,6
Pisa 276,5 Milano 233,2
Mantova 270,5 Venezia 216,3
Modena 260,3 Roma 195,6
Rimini 257,6 Firenze 183,4
Lecco 249,9 Cagliari 177,0
Verona 229,8 Genova 176,8
Reggio Emilia 221,2 Napoli 135,1
Vicenza (Vi) 203,8 Bari 115,4

Fonte: MiaEconomia

Condividi questo articolo