Manifesto energia del futuro, nuove adesioni: approvare ddl concorrenza

Risparmio, sostenibilità, innovazione e protezione dei consumatori più deboli, perché nessuno sia escluso dal mercato dell’energia e perché siano potenziati gli strumenti di tutela, a partire dal bonus sociale: sono i cardini del “Manifesto per l’energia del futuro” promosso dalle società energetiche Edison, ENGIE, Sorgenia e E.ON. e sottoscritto da diverse associazioni di consumatori. La lista delle adesioni si sta allungando. La richiesta: approvare al più presto il ddl sulla concorrenza.

Diverse sigle hanno aderito al Manifesto, che chiede un mercato energetico aperto e liberalizzato, sostenibile e vicino alle esigenze dei consumatori, che siano a loro volta protagonisti del mercato stesso. Le ultime adesioni arrivate sono dell’ “Unione per la Difesa dei Consumatori” (U.Di.Con) e dell’Associazione Utenti dei Servizi Radiotelevisivi che si uniscono ad Altroconsumo, Cittadinanzattiva, Movimento Consumatori e Movimento Difesa del Cittadino e alle Società promotrici Edison, ENGIE, Sorgenia e E.ON., “per sostenere un nuovo assetto del mercato libero dell’energia nel quale il consumatore deve essere il protagonista”.  

Il “Manifesto per l’energia del futuro”, informa una nota congiunta, “promuove un quadro di regole semplici ed efficaci per un mercato pienamente liberalizzato incentrato su quattro principi fondamentali: il risparmio, la sostenibilità, l’innovazione e la protezione per i consumatori più deboli. Il completamento del processo di liberalizzazione in corso darà origine ad un nuovo modello di fornitura energetica alle famiglie e alle imprese, nel quale il consumatore avrà un ruolo centrale e nel quale le nuove tecnologie digitali e l’innovazione permetteranno di offrire servizi più moderni, efficienti e sostenibili”. Uno dei punti fondamentali del documento è la richiesta di stabilire un quadro di regole semplici ed efficaci per un mercato dell’energia più aperto, che consenta ai consumatori di risparmiare e di rendersi protagonisti consapevoli delle proprie scelte e agli operatori di innovare e sviluppare il mercato.

E la richiesta che viene rinnovata oggi è quella di approvare al più presto il disegno di legge sulla concorrenza. Le associazioni e le imprese che sostengono il Manifesto per l’energia del futuro “chiedono che il Parlamento approvi rapidamente il disegno di legge sulla concorrenza, il cui esame deve essere urgentemente ripreso da parte dell’Aula del Senato, mantenendone l’attuale assetto fondato sulla centralità del consumatore e su una concorrenza basata su regole chiare e trasparenti che assicurino una pluralità di operatori e di offerte sul mercato libero. Il provvedimento, – proseguono le associazioni – nei suoi attuali contenuti, propone un disegno efficace per promuovere la concorrenza affinché gli operatori possano investire in innovazione e soluzioni sempre più rispondenti alle reali esigenze dei consumatori e prevede tutti gli strumenti di accompagnamento utili per assicurare ai consumatori informazioni chiare e processi efficaci per poter beneficiare dei vantaggi della concorrenza, oltre ad un sistema di garanzie rafforzate per tutelare i consumatori più deboli”.

 

Condividi questo articolo