Mariti? I migliori gli scandinavi, i peggiori gli australiani

Gli svedesi e norvegesi sono i migliori mariti del mondo perché aiutano in casa con lavori domestici e figli mentre gli australiani, amanti dello sport e della birra, sono i peggiori. Lo dice uno studio britannico pubblicato oggi. Nessun cenno ai mariti italiani, (fortunatamente) non presi in considerazione dalla ricercatrice inglese.

L'economista Almudena Sevilla-Sanz dell'università di Oxford ha svolto una ricerca per vedere se nelle nazioni sviluppate i tassi di matrimonio e convivenza siano o meno correlati con l'attitudine degli uomini a dare una mano alle donne in casa.

Secondo lo studio, le donne che vivono in paesi con un tasso di egalitarismo maggiore fra i due sessi sono più propense a sposarsi o a convivere.

La ricerca si è basata su 13.500 interviste a uomini e donne tra i 20 e i 45 anni in 12 Paesi con domande sui lavori domestici e la cura dei bambini.

In base ai suoi risultati, i peggiori mariti sarebbero così gli australiani, molto propensi alla vita sociale ma meno adatti alla cura della propria famiglia, mentre in cima alla lista ci sarebbero i mariti svedesi e norvegesi, rispettosi nei confronti delle mogli e molto propensi a spartirsi gli impegni casalinghi. Ottimi compagni di vita anche gli statunitensi e gli inglesi mentre, come fanalino di coda assieme agli australiani, verrebbero i mariti tedeschi, austriaci e giapponesi. Nessun cenno ai mariti italiani, (fortunatamente) non presi in considerazione dalla ricercatrice inglese.

Fonte: http://it.reuters.com/article/entertainmentNews/idITMIE57406Q20090805

Condividi questo articolo