Minori scomparsi: "Intervenire subito, è una piaga aperta"

Il Presidente di Telefono Azzurro Ernesto Caffo lancia l'allarme e invita all'istituzione di un tavolo di lavoro permanente fra tutte le forze in campo

Nell'arco dell'ultimo triennio i minori scomparsi sono aumentati di 624 unità, un incremento da record, pari al 67,2%. Questo uno dei dati più allarmanti emersi dal V Rapporto nazionale sulla condizione dell'infanzia e dell'adolescenza realizzato dall'Eurispes e da Telefono Azzurro. Un dato ancor più allarmante se si considera che nel solo 2003 i minori italiani e stranieri per i quali sono state attivate segnalazioni di ricerca nel nostro Paese e che risultano ancora scomparsi ammontano a 1.552. “Quello dei bambini scomparsi è un problema enorme, che va affrontato con grande attenzione”, sottolinea il presidente di Telefono Azzurro, Ernesto Caffo.
Presidente, come si sta muovendo Telefono Azzurro e più in generale che cosa è necessario fare, a livello nazionale, per sanare la piaga della scomparsa dei minori?
Innanzitutto il tema dell'infanzia, nella sua complessità, deve essere affrontato seriamente. Le parole, le dichiarazioni, non sono più sufficienti. Bisogna passare all'azione e risolvere alcune questioni importanti a partire dalle carenze legislative fino ad arrivare a quelle di mezzi e risorse.
E nel frattempo che cosa si può fare?
La soluzione è rappresentata dalla prevenzione perché è un dato di fatto che tantissimi eventi potrebbero essere evitati se solo si attuassero delle politiche di prevenzione.
Di che cosa si tratterebbe in concreto?
Rafforzare la rete di collaborazioni a livello nazionale e non solo, istituire un tavolo di lavoro permanente. Insomma bisogna intervenire prima che le difficoltà diventino insormontabili. Perché la realtà è che quando la situazione degenera è poi molto difficile porvi rimedio. Ad esempio la questione di Napoli, in questi giorni tornata prepotentemente alla ribalta, che non è da sottovalutare. Ma per affrontare un problema del genere c'è bisogno di nuovi strumenti di intervento. Lo ripeto ancora una volta, bisogna evitare che si creino situazioni così allarmanti, ci vuole un intervento preventivo.
Oltre all'aumento della scomparsa dei minori, sono emersi altri aspetti inquietanti dal Rapporto 2004?
Direi che un trend da tenere in considerazione è quello dell'aumento delle violenze sui minori da parte degli stessi minori. Anche su questo fronte bisogna intervenire al più presto, perché è evidente che si stanno innescando meccanismi di violenza incontrollabili, e non sempre da parte di chi ha subito o subisce violenza fisica.

Fonte:AgeingSociety

Condividi questo articolo