Non solo Carlo Cracco fa pubblicità sessista, nella lista ci sono anche Disaronno, Sisley… e altri messaggi che ledono la dignità femminile

La censura della fotografia che ritrae il cuoco Carlo Cracco protagonista del programma MasterChef, a fianco di una donna nuda che impugna un grosso pesce posizionato in corrispondenza dei pantaloni ha creato un certo numero di commenti. Diversi lettori e lettrici hanno in un certo senso giustificato o comunque mostrato un certo stupore per la decisione del Comitato di controllo dell'Istituto di autodisciplina pubblicitaria che ha censurato la fotografia

Per rendesi conto di quanto sia diffusa la pubblicità sessista e del livello che riescono a raggiungere i pubblicitari, proponiamo alcuni esempi di pubblicità censurate dal Comitatodi controllo perché ledono la dignità della donna e mercificano il corpo femminile, proprio come la foto di Cracco.

 

La Illva ha pubblicato sulla rivista Wired di gennaio 2012 (vedi foto a sinistra)  un'immagine tratta dalla copertina della rivista “& lt;I>Toiletpaper Magazine“, che ritrae il fondoschiena di una signora, con una carta da gioco infilata in mezzo alle natiche, affiancata dalla foto del famoso liquore Disaronno. 

Il secondo caso riguarda un manifesto apparso in provincia di Foggia che reclamizza l'attività dell'azienda Co.Se.Me, specializzata nella vendita di cereali. L'immagine mostra una donna a torso nudo che in una mano tiene un fascio di spighe e con l'altra cerca di coprire il seno. La frase abbinata dice “Molto più di una prima…” alludendo alle misure del seno. 

& lt;P>

Il terzo  messaggio  è firmato dalla linea di abbigliamento per giovani Sisley del gruppo Benetton. Nel  settembre 2010 su molti giornali femminili e anche sui manifesti stradali di diverse città è apparsa l'immagine di una donna sdraiata sul pavimento di un supermercato, con in bocca un cetriolo. Secondo l'Istituto di autodisciplina pubblicitaria che ha censurato la fotografia e lo slogan  inglese “let it flow” (ovvero lascialo venire, lascia correre..) risulta un evidente richiamo sessuale che  lede la dignità della donna.

Il quarto messaggio è firmato dall'azienda vitivinicola Lepore, che in un manifesto affisso a Pescara, propone la sagoma di un corpo femminile con un calice di vino  posizionato al posto delle mutande. La parola “Degustala”, seguita da un punto esclamativo non lascia molto spazio all'immaginazione. 

Purtroppo in Italia non esiste una legge che vieta l'utilizzo di immagini che calpestano la dignità della donna per pubblicizzare un prodotto alimentare o un vestito. Le aziende possono fare quello che vogliono. Le poche intercettate anche se vengono censurate non subiscono grandi danni, visto che quando arriva la sentenza le campagne il più delle volte sono  finite.

Roberto La Pira

Fonte: www.ilfattoalimentare.it

 

Condividi questo articolo