Nuovi eco-incentivi- ma non alle biciclette

Dopo gli eco-incentivi ai motorini «euro 2», il Ministero dell'ambiente si prepara ad investire altri 40 milioni di euro nelle fonti di energia alternativa. Venti serviranno a finanziare la riconversione dei veicoli a benzina in auto a gpl o a metano, l'altra metà servirà per l'acquisto di nuove automobili a metano e a realizzare impianti per la distribuzione ad hoc.

A Cura di Sergio Tonon

Come al solito non è una questione di mancanza di risorse. Quando si vuole si sa come trovarne. Allora la Federazione italiana amici della bicicletta (Fiab) ricorda al Ministro Matteoli che per inquinare meno, tutelare le tasche ma anche la salute dei consumatori, «basterebbe» incentivare l'uso urbano della bicicletta negli spostamenti sistematici casa-scuola e casa-lavoro.

 

Biciurbana

è attivo il sito www.biciurbana.org che vuole raccogliere percorsi «urbani» alternativi e non nella città di Roma. .11 sito offre quattro percorsi, descritti con mappe e foto. Sono gradite collaborazioni e segnalazioni di percorsi.

Bike-sharing

Il Comune di Reggio Emilia prevede la realizzazione di un parco bici a noleggio. Saranno disponibili circa 1.200 biciclette: si lascerà l'auto nel parcheggio e con un'apposita card si prenderà la bicicletta. Molto contenuto i! costo della card: 10 euro all'anno, gratis per chi ha l'abbonamento extraurbano Act, 5 euro all'anno per chi ha l'abbonamento urbano Acd.

bici in autostrada a 11 anni

Un bambino di 11 anni è stato fermato al casello di Savona mentre tentava di imboccare l'autostrada in bicicletta. Il bambino, torinese, dopo aver litigato coi genitori ha percorso in bici la statale Aurelia da Loano a Savona. Qui ha imboccato l'autostrada A6, passando dall'accesso Telepass per evitare di essere visto dal casellante, ma è stato notato da una pattuglia della Polstrada. L'undicenne, in vacanza con la famiglia sulla riviera ligure di Ponente, voleva tornare a Torino: in autostrada sono «appena» 125 chilometri.

Bologna; 5000 rastrelliere .& lt;/P>

Cinquemila rastrelliere sulle strade e posteggi gratuiti da montare su richiesta nei condomini per rilanciare la bici in città. Il Comune di Bologna si prepara per l'inverno nel segno delle due ruote. Sul sito Iperbole (www.comune.bologna.it) è pubblicato un bando, destinato ai condomini, per la fornitura di rastrelliere «in comodato gratuito d'uso». I posti bici in città aumenteranno anche sulle strade: nel centro storico si passerà a fine anno dai 1930 installati fino all'aprile scorso a 2250. A questi sono da aggiungere i circa 2500 posti a cui si arriverà a fine anno fuori dalla cerchia dei viali di circonvallazione. In tutto, quindi, circa 5 mila rastrelliere per dare ai bolognesi una ragione in più per preferire la bici.

< P>Fonte: a.a.m. terra nuova

Condividi questo articolo