Occhio all'Ici

Ancora quindici giorni e scadranno i termini per il versamento della prima rata dell'Ici. Si può anche optare per un unico pagamento e la scelta determina una variazione del valore dell'imposta. Per calcolare l'Ici si parte dalla base imponibile, moltiplicata per le aliquote stabilite per ciascuna categoria di immobili e depurata delle detrazioni previste. Proprio queste variabili cambiano a seconda che si decida per una o due rate.

Nel secondo caso, infatti, la prima tranche, pari al 50% dell'importo e da versare entro il 30 giugno, viene calcolata sulla base delle aliquote e delle detrazioni previste per il 2005 dai vari Comuni. Per la seconda rata, si avrà tempo tra il primo e il 20 dicembre dell'anno in corso e la stima viene effettuata sulla base dei valori applicati dalle amministrazioni comunali per il 2006.

La scadenza è fissata al 30 giugno se si decide di pagare in un'unica soluzione e, in questo caso, viene applicato direttamente quanto previsto per il 2006. Non è facile capire quale delle due opzioni sia più conveniente nel senso che, a determinare un importo maggiore o minore del versamento, sono i cambiamenti relativi alle aliquote e alle detrazioni che possono essere migliorate come anche peggiorate. Oltre alla possibilità di diluire il pagamento, però, a favore delle due rate gioca anche la possibilità di poter contare, a fine anno, su un conguaglio già previsto dalla normativa.

Se invece si opta per un'unica soluzione, in caso di interventi legislativi che modifichino per l'anno in corso i valori comunali, è necessario procedere con una richiesta di rimborso dai tempi ben più lunghi. Per chi non è residente in Italia, infine, i termini per il versamento in un'unica rata possono slittare al 20 dicembre, con una maggiorazione però del 3%.

Un aiuto ai contribuenti, per la stima dell'importo da pagare, arriva da Confedilizia: il sito dell'Associazione ospita infatti un sistema di calcolo on-line, oltre a una guida dedicata alle modalità di pagamento. Pagamento che deve essere eseguito solo per importi superiori ai 2,07 euro e, in base a quanto stabilito da ogni Comune, può essere effettuato al Concessionario della riscossione, presso una banca o un ufficio postale.

< P>In base a una convenzione con l'Agenzia delle Entrate, sul cui sito internet è possibile accedere all'elenco dei Comuni che hanno aderito, il versamento può essere effettuato anche on-line, compilando il modello F24. Nel caso in cui, nel corso del 2005, gli immobili abbiano subito cambiamenti che determinano un diverso valore dell'imposta, il contribuente deve compilare anche la dichiarazione Ici, presentandola direttamente al comune di competenza o inviandola, con raccomandata senza ricevuta di ritorno, all'Ufficio tributi.

La scadenza è la stessa prevista per la dichiarazione dei redditi: il 31 luglio se cartacea, il 31 ottobre se effettuata per via telematica. In caso di mancata presentazione, è prevista una sanzione tra il 100% e il 200% dell'importo, valore che scende tra il 50% e il 100% nel caso in cui la dichiarazione, pur consegnata, risulta scorretta e si attesta tra i 51 e i 258 euro in caso di omissioni o errori formali.

Quanto alle sanzioni relative all' importo da pagare, in caso di versamento omesso insufficiente o ritardato, la maggiorazione prevista è del 30%. Se però il ritardo non supera il 31 luglio o i dodici mesi successivi alla scadenza, la sanzione si limita, rispettivamente, al 3,75% e al 6%. In entrambi i casi, vengono anche applicati interessi pari al 2,5%.

Inoltre, è bene tenere in considerazione anche altri aspetti specifici. La prima casa è soggetta a una detrazione di 103,29 euro, elevabili da ogni singolo Comune, e per i fabbricati inagibili o inabitabili l'imposta è ridotta del 50%. In caso di contitolarità, ad esempio di moglie e marito, ognuno dovrà effettuare un proprio pagamento. Del versamento può infine occuparsi l'amministratore per quanto riguarda le parti comuni di un edificio. Deve necessariamente farlo, invece, nel caso di un immobile in multiproprietà.

Fonte Mia economia

Condividi questo articolo