OGM, Parlamento UE chiede alla Commissione di ritirare autorizzazioni per la soia

Gli eurodeputati hanno chiesto alla Commissione europea di ritirare le sue autorizzazioni per l’utilizzo di soia geneticamente modificata resistente agli erbicidi in alimenti e mangimi. Con il voto di oggi, i deputati sottolineano che l’erbicida glifosato, che è tollerato dai tre tipi di soia geneticamente modificati, è stato classificato come “probabilmente cancerogeno” per l’uomo dall’Organizzazione mondiale della sanità. In più gli OGM sono autorizzati nell’UE senza il sostegno degli Stati membri.

I tre semi di soia geneticamente modificati che saranno autorizzati dalla Commissione europea per l’uso in alimenti e mangimi sono FG72, MON 87708 x MON 89788 e MON 87705 x MON 89788.

I deputati hanno approvato 3 obiezioni separate, tutte presentate da Bart Staes (Verdi/ALE), Sirpa Pietikäinen (PPE,), Guillaume Balas (S&D), Lynn Boylan(GUE/NGL) e Eleonora Evi (EFDD,).

I deputati hanno precisato che l’erbicida glifosato, che è tollerato dai tre tipi di soia geneticamente modificati (insieme ad altri erbicidi nel caso di FG72 e MON 87708 x MON 89788), è stato classificato come “probabilmente cancerogeno” per l’uomo dall’Organizzazione mondiale della sanità il 20 marzo 2015. Tuttavia, l’Autorità europea per la sicurezza alimentare ha dichiarato il 12 novembre scorso che era improbabile che il diserbante potesse rappresentare un pericolo cancerogeno per l’uomo.

Inoltre, la stessa Commissione europea ha deplorato il fatto che dall’entrata in vigore del processo di autorizzazione, ogni decisione di autorizzazione sia stata presa senza il sostegno di una maggioranza qualificata di Stati membri. Effettivamente, l’eccezione alla procedura insieme è diventata la norma per quanto riguarda le decisioni inerenti alle autorizzazioni di alimenti e mangimi geneticamente modificati, sottolineano i deputati.

Condividi questo articolo