PER UN NATALE RESPONSABILE

Alcuni semplici suggerimenti per evitare che le giornate di fine dell'anno diventino la festa dello spreco e dell'inquinamento. Nel periodo di Natale e capodanno si può far festa anche in modo responsabile, cioè mantenendo i consumi entro confini ragionevoli, senza sprecare energia nel danneggiare l'ambiente.

Luci.

Prese singolarmente, le classiche lucine di Natale non consumano molta energia. Se però consideriamo circa 20 milioni di famiglie italiane, nel complesso questi luci impegnano una potenza pari a quella di una centrale termoelettrica di media taglia (100 MW). Spegnenndole di notte, i consumi si riducono di un terzo.

Albero.

Se proprio non ne volete sapere di quelli sintetici, comprate l'abete in un vivaio garantisce il ritiro della pianta alla fine delle feste (in cambio di un buono spesa). In alternativa, potete acquistare solo la cima dell'albero (“cimale”), così non si uccide alcun abete.

Regali.

I pacchetti possono essere confezionati secondo criteri ecologici, usando materiali riciclabili o inserendo il regalo in borse di tessuto. Tenete carta e nastri, per riutilizzarli alla prima occasione utile.

Pranzi e cene.

Meglio scegliere alimenti locali e stagionali. Evitare o ridurre il consumo di prodotti di Paesi lontani, il cui trasporto (aereo) richiede grandi quantità di combustibile.

Rifiuti.

Durante le feste si consuma di più e di conseguenza si butta molta più spazzatura del normale. Cerchiamo, anche in questi giorni paticolari, di osservare la “regola delle tre erre”: ridurre, riciclare, riutilizzare.

Fonte: Altroconsumo

Condividi questo articolo