Pietrasanta e Forte dei Marmi sotto il segno del "contrassegno rosa"

PIETRASANTA (Lucca). Ancora qualche giorno e sarà finalmente esecutivo il protocollo di intesa, tra il Comune di Pietrasanta e quello di Forte dei Marmi, riguardante l'estensione della validità dei Contrassegni Rosa su tutto il territorio di loro competenza. A partire dal primo di ottobre, chi è in possesso dei requisiti per il “Contrassegno Rosa” (donne in stato di gravidanza dal quarto mese, o entrambi i genitori purché residenti, aventi figli di età inferiore ad un anno) rilasciato dal Comune di Pietrasanta, potrà parcheggiare gratuitamente anche in tutti gli spazi del comune di Forte dei Marmi e viceversa chi è in possesso del Contrassegno rilasciato dal Comune di Forte dei Marmi potrà sostare gratuitamente a Pietrasanta.

I due Comuni già da qualche anno rilasciano il Contrassegno Rosa: Pietrasanta dal 2006 e Forte dei Marmi dal 2008. Con questo nuovo accordo, però, le donne in dolce attesa e i genitori redsidenti con figli piccolissimi potranno parcheggiare in un territorio ancora più ampio. Dal 2006 il Comune di Pietrasanta ha rilasciato all'incirca 260 Contrassegni Rosa, e attualmente ne sono attivi 60; mentre il Comune di Forte dei Marmi dal 2008 ne ha rilasciati circa 200 e in questo periodo ne stanno usufruendo una ventina di utenti.< p>“Il Contrassegno Rosa ” sottolinea l'assessore Luca Mori ” è un gesto di civiltà e rispetto, atto ad agevolare la vita delle donne in dolce attesa e dei genitori con figli a seguito. Con questo protocollo di intesa si estende la sua forza. Mi piace pensare quasi utopicamente, che in un futuro prossimo, ogni Contrassegno Rosa, rilasciato da qualsiasi comune, possa avere validità su tutto territorio italiano. Vorrei inoltre sottolineare – continua l'assessore – che questo progetto ha raggiunto il traguardo grazie alla volontà dei due Enti che insieme hanno cercato di seguire costantemente le pratiche e dove possibile snellirle”.

Simone Tonini, consigliere delegato alle politiche giovanili del Comune di Forte dei Marmi, ha fatto un breve excursus del Contrassegno Rosa: “Fu nel 2006 il Consigliere dell'allora maggioranza, Claudio Camillotto, a proporre l'istituzione di questo servizio. Ed infatti con lui presi i primi contatti per aprire la procedura anche nel mio Comune. Ringrazio l' Amministrazione di Pietrasanta perché con questo accordo diamo un forte segnale per l'attuazione di quelle che vengono chiamate politiche comprensoriali”.

Anche il Sindaco Domenico Lombardi ha ricordato l'idea partita da Claudio Camillotto: “Anche se eravamo all'opposizione, quando Claudio portò la proposta in Consiglio Comunale, non esitammo ad approvarla. Si trattava di dare una risposta ad un disagio e permettere alle donne in stato di gravidanza di raggiungere agevolmente tutte le strutture mediche e non, estendendo questa possibilità a ambedue i genitori nel primo anno dalla nascita del figlio. Nelle prossime settimane – prosegue il primo cittadino – mi adopererò affinché si riapra anche il confronto sulla piscina comprensoriale; confronto che era già stato avviato dal Comune di Forte dei Marmi con la precedente Amministrazione di Pietrasanta. Ringrazio la vigilessa Serafini – conclude il sindaco – e i consiglieri delegati Simone Tonini e Alessio Felici, e per il nostro Comune Adone Bluffi della Polizia Municipale, per l'impegno profuso al raggiungimento di questo traguardo. Concludo con il ricordo affettuoso di Claudio Camillotto; e siamo felici di aver portato avanti la sua importante iniziativa”.

Federica CalviaFonte: loschermo.it

Condividi questo articolo