Prezzo del caffè: cresce, la tazzina, rincari anche ai distributori

Il prezzo della tazzina di caffè? Cresce. La stangata è in arrivo (dove non è già arrivata), i dati parlano chiaro. Nelle principali città italiane è diventato praticamente impossibile pagare meno di un euro una tazzina di caffè espresso, ma presto saranno inevitabili aumenti sensibili anche del prezzo del caffè delle macchinette automatiche piazzate in luoghi di lavoro, università, scuole e luoghi di aggregazione.

Negli ultimi 5 anni il caffè Santos, la varietà brasiliana che costituisce la materia prima base per decine di miscele diffusissime in Italia, ha visto raddoppiare il suo prezzo. Effetto traino anche su altre varietà e ora appare inevitabile la ricaduta sui prezzi praticati al bar, ma non solo. Colpa dell'aumento della domanda, ma anche della speculazione. Ormai il caffè, come grano, riso e mais, viene trattato alla stregua di un titolo in borsa.

Non solo l'aumento della materia prima del caffè, ci sono anche quelli dello zucchero, ma anche i costi legati alla distribuzione (il prezzo della benzina) e quello dei materiali come la plastica che sono essenziali per il funzionamento delle macchine automatiche. Proprio per i distributori automatici si rischia la stangata più dolorosa: le società che gestiscono il servizio non possono fare leva sul prezzo di molti altri prodotti come i gestori dei bar e il rischio di un aumento del prezzo anche nell'ordine dei 15/20 cent per tazzina (di plastica) appare sempre più concreto.

Sempre difficile fare stime, ma tenendo conto del consumo giornaliero stimato nel nostro paese in circa 80 milioni di caffè al bar, ipotizzando un aumento nell'ordine dei 10 centesimi la maggiore spesa per i consumatori sarebbe pari a 8 milioni di euro, quasi tre miliardi di euro in un anno, 36 euro l'anno pro-capite. Come fare a risparmiare? Dopo la moda (obbligata) del pranzo portato da casa assisteremo al ritorno dei thermos con il caffè preparato dalla più economica Moka di casa?

Mario Marcello Forte

soldiblog.it

Condividi questo articolo