Qualità della vita, Il Sole 24 ore: Aosta prima, Vibo Valentia ultima

Aosta prima, Vibo Valentia ultima. Milano seconda, Roma in recupero in 13ma posizione. Firenze in sesta posizione, Napoli quartultima. Oggi il Sole 24 ore ha pubblicato l’indagine sulla “Qualità della vita”, giunta ormai all’edizione numero 27, che ogni anno mette a confronto la vivibilità delle province italiane su un’ampia serie di indicatori che quest’anno sono stati aumentati. Risultato? “Restano il divario tra Nord e Sud, quello tra le province di maggiori dimensioni frenate dai nodi sicurezza e ambiente nel loro slancio in avanti, e spiccano le realtà medie o piccole – spesso beneficiate dall’autonomia – in evidenza come modelli di vivibilità”.

Gli indicatori che hanno permesso la costruzione della classifica riguardano sei settori d’indagine (Affari, lavoro e innovazione; Reddito, risparmi e consumi; Ambiente, servizi e welfare; Demografia, famiglia, integrazione; Giustizia, sicurezza, reati; Cultura, tempo libero e partecipazione) e quest’anno sono stati rinnovati per dare più attenzione ai problemi più sentiti della collettività, come il valore della casa, il lavoro per i giovani, la capacità di innovazione, l’integrazione degli stranieri, l’offerta di welfare, la partecipazione civile. In prima posizione si piazza dunque Aosta, seconda e terza sono Milano e Trento, seguono Belluno, Sondrio, Firenze, Bolzano, Bologna, Udine e Trieste. In ultima posizione c’è una realtà del Sud, Vibo Valentia, e sempre nelle ultime posizioni si classificano Reggio Calabria, Caserta, Napoli, Crotone e Taranto. Roma si posiziona al 13° posto, spinta dal valore del patrimonio immobiliare e dai flussi turistici legati al Giubileo. La provincia della Capitale recupera così 3 posizioni rispetto al piazzamento dello scorso anno. 

La Qualità della vita ha poi un versante digitale: all’indirizzo http://www.ilsole24ore.com/qvita2016 sono disponibili sia le classifiche sia una modalità per “pesare” secondo le proprie preferenze i vari parametri utilizzati e cogliere con un click differenze e analogie tra le varie zone d’Italia.

Condividi questo articolo