Rincari da record per frutta e verdura Colpa del maltempo

Il “listino” presentato dalla Cia indica aumenti di prezzo eccezionali per numerosi prodotti. “Rincari ingiustificati, frutto di speculazioni”

Sono balzati in avanti del 18%, nell'arco appena di una settimana, i prezzi al dettaglio degli ortaggi. A guidare la classifica dei rincari è il radicchio, che ha toccato punte del +21%; e si piazzano bene anche finocchi (+14,7%) e zucchine (+12,2%).
Il nuovo “listino”, che registra prezzi in salita anche per la frutta (+10% per i kiwi, +7% per i limoni, +5,5% per le pere e +4,2% per le mele), ci sarebbero i danni causati dal maltempo, anche se ” ci tiene a sottolineare la Cia (Confederazione italiana agricoltori ) ” “i rincari sono ingiustificati e sono frutto, ancora una volta di manovre speculative”. A sostegno della tesi i dati molto più contenuti degli incrementi dei costi a livello di produzione, con “forbici” rispetto ai costi al consumatore finale che variano fino a 15 punti percentuali. “E' vero che il gelo e le abbondanti nevicate hanno provocato danni alle colture, in particolare a quelle orticole, con conseguente aumento fisiologico dei costi, ma è anche vero ” spiega la Cia ” che se sul campo gli aumenti sono stati contenuti, al dettaglio hanno registrato una decisa e immotivata impennata”.
I rincari hanno spinto la Cia a rilanciare la necessità di indagini approfondite nell'ambito della catena ortofrutticola per fare chiarezza una volta per tutte sul fenomeno degli aumenti ingiustificati sui prezzi al dettaglio. Torna alla ribalta anche la proposta dei “cartellini doppi”, per indicare, oltre al prezzo finale, anche quello di partenza sul campo, in modo da rendere trasparente ai consumatori l'evoluzione dei costi. Battaglia che la Cia sta portando avanti attraverso una campagna di raccolta firme in tutta Italia. Intanto La Coldiretti invita i consumatori “a comprare direttamente nelle aziende degli imprenditori agricoli verdura e ortaggi locali e di stagione per acquisti di qualità a prezzi convenienti”.

Fonte: www.tuoquotidiano.it

Condividi questo articolo