Rincari e filiera

è importante stabilire relazioni economiche certe con precisi accordi di filiera al fine di promuovere un organismo permanente e dare maggiore solidarietà alle iniziative dei consumatori.


L'intesa siglata a Torino per frenare la corsa dei prezzi

rispecchia quell'esigenza più volte sottolineata

di rendere stretti e produttivi i rapporti nell'intera filiera

(dalla produzione alla distribuzione).

Solo così si possono stabilire

relazioni economiche certe e consolidate

e attivare un costante monitoraggio del mercato.

Giuseppe Politi

Il presidente della Cia-Confederazione italiana agricoltori Giuseppe Politi ha ribadito la necessità di affrontare con la massima serietà e concretezza l' emergenza rincari, evitando ulteriori e dannosi indugi e ostacoli.

“Nostro obiettivo è quello di tutelare gli interessi di tutti, dai produttori, agli industriali, ai grossisti, ai commercianti, ai consumatori. Una sorta di patto contro il caro-prezzi al quale partecipare con grande senso di responsabilità”.

Viene ribadita sempre più l'importanza di stabilire relazioni economiche certe con precisi accordi di filiera, al fine di promuovere un organismo permanente e dare maggiore solidarietà alle iniziative dei consumatori.

“Crediamo che sia ormai giunto il momento di creare un vero e proprio organismo permanente tra tutti i soggetti della filiera, i consumatori, il governo nazionale e gli enti locali, in modo da individuare le opportune iniziative per contenere i prezzi, stroncare ogni rincaro ingiustificato e favorire così la ripresa dei consumi, che continuano, purtroppo, a diminuire” afferma Politi.



I link correlati all'argomento :

 CIA: ACCORDI DI FILIERA PER BLOCCARE I RINCARI
·
Consumi e sconti
·
Il florido fatturato alimentare& lt;/FONT>
·
IV Giornata Nazionale della Finanza Etica e Solidale

Condividi questo articolo