Risarcimento danni a persone, in arrivo decreto che unifica tabelle

In arrivo il decreto che unifica i valori dei risarcimenti gravi alla persona. Sta per essere approvato dal Governo Monti (nel prossimo Consiglio dei Ministri) un provvedimento che prevede un'unica tabella in base alla quale tutti i Tribunali italiani dovranno attribuire i risarcimenti per gravi danni alla persona da incidenti stradali. La notizia suscita reazioni controverse. Secondo Adiconsum il decreto mette finalmente fine all'assurda discriminazione attribuita, nei valori economici, dai vari Tribunali alle grandi invalidità.

“Non è giusto ” ha spiegato ad Help Consumatori il Segretario generale di Adiconsum Pietro Giordano ” che il Tribunale di Milano riconosca, ad esempio, 400.000 euro per il colpo di frusta, mentre quello di Messina molto meno. Poi a fine anno le compagnie assicurative, comunque, tirano una linea e spalmano questi costi sulle polizze che aumentano per tutti gli automobilisti. Questo decreto metterà anche fine alla sfilza di contenziosi nei Tribunali, infatti gli avvocato sono contrari perché il cittadino non avrà più bisogno di loro”.

Secondo Adiconsum, però, “sarebbe stato meglio parametrare i risarcimenti ai valori Inail, in quanto una morte da incidente stradale non è diversa dalla morte sul lavoro”.

L' Associazione si aspetta quindi che con l'approvazione di questo decreto arrivi un segnale vero e concreto dalle compagnie di assicurazione, a cominciare dalla discesa dei prezzi praticati all'utenza. “Una discesa che può essere fatta già dall'approvazione, e non inferiore al 5%. Riduzione ” conclude Giordano ”  che sarà ancora maggiore con l'adozione delle misure necessarie ed ancora mancanti di riforma della Rc auto: risarcimento in forma specifica per i danni alle cose, riduzione dei tempi per la richiesta dei danni a 90 giorni, abolizione della cessione del credito, più conciliazione paritetica e meno tribunale. Su tutto questo Adiconsum è pronto ad affrontare tavoli tecnici e politici con le stesse compagnie di assicurazione e con il Ministero dello Sviluppo Economico”.

Diversa la posizione dell'Associazione nazionale esperti di infortunistica stradale (Aneis) e dell'Associazione Vittime della strada che lanciano l'allarme sulla riduzione dei risarcimenti (secondo loro fino al 60%) e fanno appello al Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano affinché non firmi quello che definiscono “un provvedimento che punisce chi non ha colpa e che lede la dignità di chi ha diritto ad un equo risarcimento piuttosto che ad una pietosa elemosina“.

Condividi questo articolo