RISPARMIO. Mercati finanziari, Altroconsumo: breve guida per i risparmiatori

Preoccupati dell'attuale situazione finanziaria europea, dalla crisi della Grecia alle misure per contenere eventuali spinte speculative? Per rispondere ai principali dubbi degli investitori e dei risparmiatori, facendo un po' di chiarezza, è online una breve guida ai risparmiatori redatta da Altroconsumo, che mette inoltre a disposizione il numero telefonico 02.69.61.580, dal martedì al giovedì dalle 9 alle 12, per chiedere chiarimenti personali.

Intanto, alcune risposte da parte di Altroconsumo. Secondo l'associazione, “i titoli di Stato e i buoni postali italiani sono investimenti sicuri. Si possono anche scegliere titoli pubblici di altri paesi dell'eurozona, chi vuole il massimo della sicurezza può puntare sui titoli di Stato tedeschi. Oppure titoli emessi da enti sovranazionali, ma in questo caso ci si deve accontentare di rendimenti inferiori”. Non ci sono rischi per i titoli di Stato italiano, perché “pur essendoci un debito pubblico elevato, la situazione delle finanze pubbliche italiane è sotto controllo. Il giudizio di solvibilità assegnato dalle agenzie di rating esclude qualunque probabilità di default”.

Ma se un fondo d' investimento contiene titoli di Stato greci è il caso di preoccuparsi? In genere, risponde Altroconsumo, solo una piccola quota dei portafogli dei fondi è costituita da titoli greci. In ogni caso, un evento di questo tipo (il default di un paese dell'eurozona) produrrebbe effetti su tutti gli investimenti in euro e sui mercati azionari in generale.

L'esposizione dei sistema bancario italiano verso l'economia della Grecia è “minima”, afferma Altroconsumo: “Le nostre banche sono solide e hanno resistito meglio di altre, per esempio, alla grande crisi finanziaria di due anni fa. Oltre a tutto questo, nella molto remota eventualità di insolvenza, i depositi in banca sono garantiti dal Fondo interbancario per la tutela dei depositi, fino a un massimo di 103.291 euro per depositante”.2010 – redattore: BS

Fonte. helpconsumatori.it

Condividi questo articolo