Ruoli interscambiabili

Il secondo target emergente è rappresentato dai “casalinghi” uomini d'ogni età che, per passione o per forza, si dedicano alla gestione della casa e della famiglia (pasti e pulizie comprese).


 Sono maschi che valutano, acquistano e giudicano prodotti tradizionalmente riservati a un pubblico femminile, a sua volta in forte metamorfosi. Se è vero che tuttora tre abiti su quattro sono acquistati da donne, e tre computer su quattro sono scelti e comperati da uomini, è altrettanto assodato che l'80% dei budget delle famiglie tradizionali sono controllati dalle mogli: signore che risultano consumatrici più pragmatiche e socialmente impegnate rispetto ai propri partners, molto attente ai valori comuni e desiderose di dare un significato etico alle proprie scelte di consumo.
Alcuni dati europei: il 58% delle donne (contro il 41% degli uomini) si dichiara interessata a prodotti le cui aziende sostengono cause umanitarie, il 70 % delle donne (e solo il 57% degli uomini) ritiene fondamentale l'aspetto ecologico di ciò che compra.
Diversi sono anche i comportamenti d'acquisto: gli uomini prediligono la contrattazione, le donne badano alla qualità pagata il giusto prezzo e hanno maggior tendenza a sfruttare le offerte promozionali.
Tutto ciò sta comportando una rivisitazione della concezione del marketing femminile, fino a ieri ristretto in griglie di lettura standardizzate e ormai poco adeguate ai nuovi modelli comportamentali. Il marketing tradizionale era infatti suddiviso in due grandi filoni: da un lato i prodotti specificatamente femminili (abiti, cosmetici ecc.) presentati attraverso proposte di proiezione, e dall'altro gli articoli destinati alla famiglia (alimenti, prodotti per la pulizia e l'igiene, offerte ludiche e turistiche) presentati con un marketing finalizzato all'aggregazione.
Dai nuovi target emerge una minor distinzione di ruoli, con un valore che prevale su tutti: la vita equilibrata, voluta da persone che, a prescindere dall'età, affermano attraverso gli acquisti la propria identità e le proprie aspirazioni.

Condividi questo articolo