Scandalo al formaggio. La Coop ritira i prodotti Galbani

Si allargano i contorni dello scandalo che coinvolge uno dei marchi più rappresentativi dell'alimentare italiano. “I nostri prodotti sono assolutamente sicuri”, precisa Galbani. La Coop, intanto, ritira i prodotti dai propri scaffali. La Coop del centro Italia ha deciso di ritirare dalla vendita “a titolo precauzionale e in attesa di verifiche e controlli chiesti alla ditta produttrice” i prodotti della Galbani nei suoi punti vendita.

La decisione è stata presa dopo la notizia apparsa su Repubblica della presunta contraffazione delle date di scadenza dei prodotti a marchio Galbani che sarebbe stata operata nel deposito di Perugia.

In un comunicato Coop Centro Italia tranquillizza i propri consumatori assicurando che “nessuno dei suoi negozi viene rifornito con prodotti provenienti dal deposito di Perugina”.

Per il ministro Zaia, se confermato, si tratta di un fatto “deplorevole e scandaloso”. “A noi interessa che siano tutelati i produttori seri e la salute dei consumatori”, è il commento.

Nell'articolo pubblicato da Repubblica si sostiene che a Perugia “alcuni lavoratori – venditori e addetti allo stoccaggio – hanno presentato un esposto in procura contro la Galbani denunciando di essere “stati obbligati, per anni, dai capi del personale, a vendere merce con la data di scadenza contraffatta”». Al momento, conferma il quotidiano, non risulta che siano stati avviati accertamenti da organi di polizia perugini.

Il ministero della Salute ha nel frattempo disposto ispezioni dei Nas e dell'Asl nel deposito in questione. In una nota si precisa che era già comunque attivo un programma di ispezioni ministeriali, con la collaborazione delle Regioni e delle Province autonome, presso gli stabilimenti del settore lattiero-caseario.

“I nostri prodotti sono assolutamente sicuri, dall'approvvigionamento delle materie prime fino alla distribuzione del prodotto finito al consumatore” così l'azienda risponde, sul suo sito, rassicurando i consumatori.

Fonte: www.greenplanet.net

Condividi questo articolo