Se l'uomo aiuta in casa la coppia funziona meglio

Rispetto al passato gli uomini italiani sono migliorati: vanno al supermercato, si occupano dei figli e stendono il bucato. Ma se si impegnassero ancora un pochino nelle faccende domestiche non solo ci guadagnerà la moglie, ma il rapporto coniugale e la sessualità. Vediamo come migliorare e perché.

Secondo i dati Istat oggi, nonostante le pari opportunità e le conquiste femminili sul lavoro, più del 76% delle incombenze domestiche spetta ancora alla donna. Il motivo, oltre al pregiudizio un po' maschilista che vede questi lavoro di competenza esclusivamente femminile, è la scarsa consapevolezza dell'uomo sull'importanza di collaborare in casa per migliorare l'equilibrio famigliare. Diversi studi, infatti, confermano che stracci e detersivi possono essere un perfetto collante di coppia, perché simbolo del prendersi cura insieme del proprio nido d'amore.

Una scelta

Secondo uno studio condotto nel 2008 da un'azienda di prodotti per la casa, 6 italiani su 10 affermano che la prima causa di conflitto tra moglie e marito è l'attribuzione dei lavori domestici. Secondo la donna, il compagno non vuole fare nulla, o solo le cose che gli piacciono, mentre lui ribatte che è la compagna a non voler aiuti, perché vuole avere tutto sotto controllo e le sue prestazioni non sono mai all'altezza delle aspettative della compagna.

Condividere è un gesto d'amore

Rientra nel ruolo di ogni persona fare in modo che persona amata non subisca da sola il carico della famiglia che si è costruita insieme. Per un uomo occuparsi della propria casa significa prendersi cura della moglie e dei figli, è una manifestazione d'amore che trova nei gesti quotidiani la sua realizzazione.
La casa racchiude molti significati psicologici e emotivi, è il cuore della coppia, il posto in cui si costruisce la storia tra due persone, e intesa in questo senso la collaborazione domestica è un gesto d'amore che ciascuno fa nei confronti dell'altro, in cui non ci sono limiti, compiti predefiniti e costrizioni reciproche. Negoziare è indice di una sana relazione, cooperare per un obiettivo condiviso e costruire qualcosa insieme per il bene comune sono modalità di funzionamento di una coppia in equilibrio.

Si fa di più l'amore
Le coppie dove la gestione famigliare è condivisa funzionano meglio, i coniugi sono più soddisfatti e l'intesa sessuale ne giova. Se la donna è felice per l'aiuto ricevuto, è anche meno stanca e accoglie più volentieri il marito sotto le lenzuola, e più gli uomini contribuiscono più aumentano i rapporti sessuali.
Tuttavia ci sono donne che, sebbene il marito si offra ad aiutare in casa, vogliono fare tutto da sé, oppure accettano l'aiuto ma poi si lamentano. In questi casi la donna deve imparare a condividere evitando atteggiamenti dominanti e iniziare a concepire i lavori domestici come un lavoro di squadra. Infine le donne dovrebbero essere meno accudenti e perfettine e pensare che ogni tanto una camicia stirata in meno significa un po' di tempo da dedicare a se stesse o alla coppia.

Autore:

Bianca Maria Fracas – Psicologa e consulente sessuale

www.amando.it

Condividi questo articolo