Seconda casa, meglio in leasing

Recupero e sorpasso in un colpo solo: per comprare la seconda casa è diventato più conveniente affidarsi a una società di leasing che chiedere un finanziamento. Più in generale, spiega Rosario Corso, presidente Assilea, Associazione italiana leasing, si tratta di “una novità che può contribuire ad aumentare l'interesse su un mercato, quello della seconda casa, che ultimamente batte un po' la fiacca”.

Fino a poco tempo fa, a differenza delle classiche strutture di intermediazione immobiliare, le società di leasing non potevano detrarre fiscalmente l'Iva del 10%: un costo a carico dell'azienda che però finiva per trasferirsi sui canoni mensili, aumentando così l'affitto.

Una disposizione dell'Agenzia delle Entrate ha esteso l'esenzione fiscale limitatamente alla seconda casa, finendo così per favorire le società di leasing. “Il vantaggio ” spiega Corso ” non è nella detrazione dell'Iva in sé che consente solo di ristabilire una situazione di parità. Partendo da questa nuova base, però, si possono sfruttare davvero i vantaggi del leasing, prima attenuati dai maggiori costi”.

Vantaggi che partono dal risparmio sull'imposta sui finanziamenti, pari al 2% dell' importo, che è invece necessario versare se si stipula un mutuo. In caso di leasing, inoltre, al pagamento dell'Ici non si aggiunge quello dell'Irpef visto che, fino al riscatto dell'immobile, non si è considerati proprietari. “Infine ” chiosa Rosario Corso ” non essendoci ipoteca si risparmia sui costi notarili”.

La risoluzione dell'Agenzia delle Entrate potrebbe così favorire un mercato, quello del leasing immobiliare, che nel 2005 si è già mostrato in buona salute. Con i suoi 22 miliardi, in crescita del 31,1% rispetto al 2004, il settore ha infatti raggiunto quasi la metà dello stipulato dell'intero comparto del leasing. Rinnovato slancio potrebbe ora arrivare dalla nuova disposizione fiscale che rende ancor più conveniente l'acquisto della seconda casa.

Costi minori, dunque, senza dover rinunciare alla possibilità di vendere anticipatamente l'immobile: scelta usuale per chi sceglie la casa come investimento. “Anche se non si è ancora proprietari dell' immobile come quando si sottoscrive un mutuo ” precisa Rosario Corso ” è sempre possibile riscattare anticipatamente l'immobile”.

Alice Cercone

Fonte: Mia economia

Condividi questo articolo