SICUREZZA ALIMENTARE. Cosa sono gli Energy Drink? Risponde il sito infoenergydrink.it

Cosa sono gli Energy Drink? Quanta caffeina contengono? Fanno male? La maggior parte degli italiani non sanno rispondere a queste domande. Nonostante gli Energy Drink siano venduti in tutto il mondo ormai da decenni, ancora oggi sono oggetto di falsi miti e infondati allarmismi; questo genera confusione tra i consumatori.

Da un'indagine SWG-ASSOBIBE (Associazione Italiana dei Produttori di Bevande Analcoliche), infatti, emerge che l'87% degli italiani non si considera sufficientemente informato su questi prodotti.

Per superare questo gap informativo e favorire un consumo consapevole degli Energy Drink è nato infoenergydrink.it. E' un sito informativo, frutto della collaborazione tra il Ministero della Gioventù e ASSOBIBE, che attraverso 4 sezioni accompagna il consumatore nella comprensione delle caratteristiche degli Energy Drink con informazioni accurate sugli ingredienti, sulla sicurezza del prodotto ed anche indicazioni rivolte ad alcune categorie sensibili, quali bambini e donne incinte.

Il sito è di facile consultazione e risponde ad alcune domande comuni. Ad esempio quasi la metà degli italiani non ha idea di quanta caffeina ci sia in queste bevande e il 26% ipotizza una quantità più che tripla del reale: navigando si scopre che la quantità effettivamente contenuta in una lattina da 250ml è l'equivalente di una tazzina di caffè. Il sito spiega che per Energy Drink in Italia si intende una bevanda analcolica funzionale, con un effetto stimolante e combinazioni uniche di ingredienti, quali caffeina, taurina, vitamine e altre sostanze aventi un effetto nutrizionale o fisiologico. Bibite con ingredienti sicuri, regolamentati da norme nazionali e/o comunitarie.

“Infoenergydrink.it rappresenta la prosecuzione dell'impegno che il Ministero della Gioventù profonde per la promozione della salute e il benessere dei giovani nonché per la diffusione, tra loro, di stili di vita salutari – ha dichiarato il Ministro Giorgia Meloni – La strada da noi sempre percorsa nell'allestimento delle iniziative destinate alle nuove generazioni continua ad essere quella del coinvolgimento delle parti sociali, istituzionali e imprenditoriali più presenti nella quotidianità dei giovani italiani e di rendere i giovani stessi protagonisti delle scelte che li riguardano”. Il Ministro ha ringraziato le aziende produttrici che hanno fornito puntuali dettagli sulle proprietà energetiche degli Energy Drink. “L'idea di procedere con campagne istituzionali allarmistiche o poco attendibili per il pubblico giovanile è inefficace dal punto di vista della comunicazione e lontano dal nostro modo di fare informazione socialmente utile. Sono certa – ha concluso il Ministro Meloni – che anche in questa circostanza le nuove generazioni sapranno interpretare correttamente i messaggi positivi di cui sono destinatari e protagonisti”.

Aurelio Ceresoli, Presidente di Assobibe ha ricordato che l'industria delle bevande analcoliche si è data un Codice di autoregolamentazione, con regole severe per le attività di marketing. “Ora abbiamo implementato alcuni aspetti specifici legati agli Energy Drink. Tra i punti, evitare di promuovere il consumo della bevanda in abbinamento con l'alcol e riportare in etichetta l'indicazione “Consumare moderatamente” ed il suggerimento “Non raccomandato per bambini, gestanti e persone sensibili alla caffeina”. Tale scelta, totalmente volontaria, è una nuova dimostrazione della responsabilità con cui le aziende aderenti ad Assobibe si pongono verso i propri consumatori.”

 GA

Condividi questo articolo