Stella di Natale tossica?

L'ADUC lancia l'allarme sulla tossicita' della Stella di Natale, ma si tratta di un falso mito gia' sfatato dall'Associazione americana dei Centri antiveleni. La Stella di Natale (Euforbia pulcherrima) è una pianta molto diffusa grazie alla sua bellezza e alla colorazione rossa che la rende particolarmente adatta a decorare le case nel periodo natalizio. Non a caso poi, già da diversi anni, è stata scelta dall'AIL per la sua campagna di raccolta fondi per la ricerca contro le leucemie.

Eppure l'ADUC, l'associazione per i diritti degli utenti e consumatori, ha pubblicato in questi giorni un comunicato stampa, firmato dal segretario dell'associazione, Primo Mastrantoni, che lancia l'allarme in merito alla tossicità di questa pianta.
Infatti le foglie e il fusto contengono una tossina chiamata triterpene, che sarebbe nociva sia per l'uomo che per gli animali, per contatto ed ingestione.

Quando le foglie vengono lacerate o il fusto tagliato, pare che il lattice che ne proviene, se giunge a contatto con l'epidermide, può provocare eritema, prurito, bruciore della congiuntiva e della mucosa orale e faringea, e se ingerito, invece, può provocare nausea, vomito, diarrea e perdita di coscienza.

La vivace colorazione rossa delle foglie costituisce una facile attrattiva per i bambini, che potrebbero avvicinarsi, toccarle e, dopo averle lacerate, portarle a contatto con la bocca.
Un ulteriore pericolo potrebbe essere rappresentato per gli animali domestici, che facilmente possono essere attratti dalla pianta e morderne foglie e fusto, con le inevitabili conseguenze.

Pur prestando attenzione all'allarme dell'ADUC, è necessario ricordare che l'anno scorso, in seguito a una ricerca dell'Associazione americana dei Centri antiveleni, che ha preso in esame oltre 800 casi di esposizione o di ingestione della pianta decorativa, compresi 92 in cui bambini avevano mangiato una certa quantità di foglie, non ha evidenziato alcun pericolo per la salute, sfatando così un mito già da tempo diffuso e ricorrente nel periodo festivo.

La Stella di Natale è molto amata perché la sua colorazione vivace porta un tocco di allegria e di festosità nelle case, oltre a ricordare i climi caldi dell'America latina di cui è originaria.
Se si continua ad avere dubbi sulla sua eventuale tossicità è sufficiente, pertanto, fare attenzione a tenerla fuori della portata di bambini ed animali, senza rinunciare ad utilizzarla per decorare la casa.
arch. Carmen Granata

Fonte: www.lavorincasa.it

Condividi questo articolo