Tagliate le tariffe fisso-mobile

Risparmi in vista sulle bollette telefoniche. Dal prossimo 1° luglio raggiungere i portatili da una linea fissa costerà di meno. Questo grazie ad un provvedimento dell'Autorità per le garanzie nelle comunicazioni che permetterà ai consumatori di risparmiare 1,5 miliardi di euro in tre anni.

La decisione dell'Authority prevede una diminuzione delle tariffe di terminazione, ovvero la quota incassata dagli operatori del Mobile, quando un loro cliente riceve la chiamata da un fisso. Attualmente la tariffa per Tim e Vodafone è di 12,10 centesimi al minuto e da luglio il costo scenderà ad 11,20 centesimi. Per Wind la stessa tariffa passerà invece da 14,35 centesimi al minuto a 12,90.
Il provvedimento del Garante delle Tlc interesserà anche il gestore Umts H3G. Ma in questo caso la diminuzione della tariffa di terminazione sarà resa nota entro il 31 luglio.

Da luglio così – sottolinea l'Authority – il costo delle tariffe di terminazione in Italia saranno sotto la media europea ed altre riduzioni sono previste per il luglio del 2007 e del 2008. I tagli previsti, secondo il Garante, avranno un effetto positivo sulla concorrenza del mercato che andrà a vantaggio degli utenti e degli operatori, dei servizi innovativi e della banda larga.

In particolare, la riduzione programmata delle tariffe tra fisso e mobile dei prossimi tre anni porterà ad un taglio annuale del 13% per Tim e Vodafone e del 16% per Wind. A queste percentuali si devono poi sottrarre il tasso d'inflazione.

Fonte: Miaeconomia

Condividi questo articolo