Telemarketing aggressivo, dal 31 gennaio al via il registro pubblico delle opposizioni

Dal 31 gennaio 2011 il registro pubblico delle opposizioni, istituito dal Governo per gli utenti che non vogliono ricevere telefonate di pubblicità, sondaggi o altre iniziative di telemarketing, sarà accessibile on line al sito www.registrodelleopposizioni.it. Il registro è stato affidato alla gestione della Fondazione Ugo Bordoni, attraverso un contratto di servizio che ne sottolinea la natura di ente terzo.

 Il registro è suddiviso in 2 aree: una per gli abbonati e una per gli operatori. L'abbonato intestatario di linea telefonica può iscriversi gratuitamente e a tempo indeterminato al servizio in 5 modi diversi: modulo elettronico sul sito web, posta elettronica, telefonata, lettera raccomandata, fax. In qualunque momento è possibile aggiornare i propri dati o revocare l'iscrizione.

 Gli operatori che intendono contattare gli abbonati presenti negli elenchi telefonici pubblici per attività commerciali, promozionali o per il compimento di ricerche di mercato tramite l'uso del telefono, devono registrarsi al sistema gestito dalla Fondazione Ugo Bordoni e comunicare la lista dei numeri che intendono contattare. La lista aggiornata dal Gestore, filtrata dai numeri telefonici degli abbonati che si sono iscritti al registro pubblico delle opposizioni, sarà messa a disposizione dell'operatore entro 24 ore dalla richiesta e avrà validità quindicinale, per consentire così il continuo aggiornamento dell'elenco delle opposizioni. L'operatore dovrà pagare da un minimo di 45 euro per un pacchetto di numerazioni fino a 1.500 abbonati ad un massimo di 245.000 euro 25.000.000 di abbonati.

Link: www.registrodelleopposizioni.it

redattore: GA

Condividi questo articolo