Test sui videoregistratori

Registrare e conservare il film preferito o la finale di Champions giocata della squadra del cuore è un piacere per molti. L'importante è farlo con l'apparecchio giusto. Videocassette e videoregistratori sono ormai stati soppiantati da tempo da dvd e dvd recorder, che, nella maggior parte dei casi, offrono buone od ottime prestazioni. Noi abbiamo preso in considerazione ventisette modelli di videoregistratori digitali e, a differenza dei test di laboratorio effettuati in precedenza, siamo stati molto più severi nel giudicare i consumi energetici.

Abbiamo anche dato un'importanza maggiore, rispetto al passato, alle voci relative al digitale terrestre (lo prevedono sedici degli apparecchi testati), sia per quanto riguarda la qualità della ricezione del segnale sia per la facilità d'uso.

Tanto spazio da gestire

La capienza dell'hard disk di questi modelli varia da 160 a 320 Gb e non necessariamente a una capienza maggiore corrisponde un prezzo più alto. In ogni caso anche la capacità minima è in grado di soddisfare ogni necessità.

Per liberare la memoria interna e archiviare i file che si vogliono conservare è possibile riversare le immagini su dvd. Con un'accortezza: la capacità di un dvd è di 4,7 GB ed è possibile che i file da archiviare siano invece più pesanti.

è utile, dunque, poter aver la possibilità di modificare la qualità di registrazione in modo da far stare tutto ciò che ci interessa in un unico dvd. Una funzione prevista da tutti i modelli da noi giudicati di buona qualità. In ogni caso, occorre tenere presente che la velocità di riversamento non supera quella di riproduzione: per trasferire un film di due ore, ci vorrà circa lo stesso tempo. Se però la registrazione sul disco interno viene fatta non alla massima qualità, la copia può essere decisamente più veloce.

Segnaliamo che i modelli Sony permettono di impostare la qualità di registrazione a proprio piacimento, in base alla durata del filmato che interessa e dello spazio a disposizione.

A differenza degli altri modelli messi alla prova che registrano su dvd, LG HR400, testato a titolo di confronto, è dotato di un lettore BluRay (i dischi ad alta definizione) che permette la riproduzione di dischi BluRay e dvd, ma non di registrarci sopra. Si tratta di una novità, seppure non assoluta, dato che in commercio esistono anche altri modelli con queste caratteristiche.

 

Il risparmio energetico

Alcuni apparecchi hanno la funzione per il risparmio energetico in stand-by (spesso chiamata eco-mode). Si può decidere di utilizzare lo standby classico o quello a risparmio energetico optando per l'uno o per l'altro nelle impostazioni iniziali, o modificandolo successivamente.

La scelta, vantaggiosa per l'utente in termini economici, si rivela in realtà un'arma a doppio taglio. Il più delle volte, infatti, in modalità “eco” i dipositivi esterni (vedi riquadro in alto) non saranno più “visti” dal televisore, in altri casi non arriverà neppure il segnale dell'antenna: questo può voler dire che al televisore non arriva nessun segnale. Per alcuni modelli, però, i consumi sono piuttosto significativi, soprattutto per i primi della classe: nessuno dei Migliori del Test riesce a consumare meno di 4W in standby. Maglia nera, in particolare, a Panasonic DMR-EX79 che arriva a consumarne ben 13W.

Il nostro test

Abbiamo testato in laboratorio 27 modelli di dvd recorder. Oltre alle prove sulla qualità di registrazione e di visione, è stato verificato il livello di rumorosità durante il funzionamento.

Misurazione della Rumorosità. Abbiamo posizionato i dispositivi su un tavolo di legno con superficie gommata alla distanza di mezzo metro dal rilevatore di suono.
Sono state misurate sia l'intensità sia l'asprezza del rumore, che, anche nel caso di giudizi negativi, nei modelli testati è comunque tollerabile. Valutato anche il comportamento della ventola di raffreddamento (velocità e tempo di funzionamento).

Consigli utili. Collegare tv-decoder-dvd

Come far “parlare” gli apparecchi per registrare i canali digitali terrestri ricevuti con il decoder. Sul nostro sito un'immagine vi aiuta nelle operazioni.

Collegando televisore, decoder digitale e dvd recorder è possibile ricevere e registrare i canali digitali terrestri anche se l'apparecchio tv e il videoregistratore sono sprovvisti di sintonizzatore digitale.

Per attivare il collegamento audio/video, il decoder va collegato al videoregistratore, che a sua volta va collegato al televisore, tramite presa scart o hdmi. Se il decoder ha un'altra uscita audio/video, questa può essere collegata a un ingresso libero del televisore.

Se il dvd recorder ha il digitale terrestre, il decoder può essere tolto dalla catena. In realtà può essere utile se si vuole registrare un canale mentre se ne guarda un altro. In questo caso il decoder può anche essere collegato direttamente alla tv.

Fonte: www.altroconsumo.it

Condividi questo articolo