Trentenni, sposati, con due figli: difficile arrivare a fine mese

è quanto emerge da una ricerca Eurispes: senza aiuti i giovani possono scordarsi di metter su famiglia

Come se la passano, economicamente, due giovani tra i trenta e i quarant'anni che qualche anno fa hanno deciso di sposarsi e nel frattempo hanno messo al mondo due figli? L'Eurispes non ha dubbi: non arrivano a fine mese. E' quanto emerge dall'ultima ricerca dell'istituto, il dossier “Paniere Eurispes: due pesi e due misure”.
Obiettivo dello studio è fare i conti in tasca a due ipotetici coniugi trentenni con due bambini, e vedere come se la cavano a far quadrare entrate e uscite nell'Italia di oggi.
Sono state immaginate quattro diverse situazioni economiche, basate sulla premessa che entrambi i coniugi lavorino. Ad ognuna di queste quattro famiglie-tipo è stato attribuito un reddito mensile coincidente con i valori mediani riscontrati in Italia: una coppia costituita da un muratore e una cassiera può contare, ad esempio, su un reddito netto totale di 2.482 euro; una coppia “benestante”, lui bancario e lei commerciante, guadagna al mese 2.765 euro. Si è ipotizzato poi che tutte queste famiglie debbano pagare un affitto per la casa.
Circa le altre spese, si è ipotizzato un comportamento spartano. I nostri beniamini, quindi, non si sogneranno di fare spese “di lusso”. Dobbiamo immaginarli intenti a campare nel modo più spartano possibile, facendo acquisti nei negozi più economici, approfittando delle offerte. Poiché i prezzi dei beni di consumo e gli affitti variano a seconda delle zone, l'Eurispes ha provato a immaginare la situazione di ognuna di queste famiglie in otto località diverse, rappresentative delle diverse facce del Paese.
Niente da fare: per quanti sforzi facciano, i nostri eroi non arrivano a fine mese. Nemmeno la coppia più ricca nella località più a buon mercato riesce a mantenere in modo dignitoso sé stessa e i propri due pargoli.
Ci si potrebbe chiedere: come fanno a campare? Risposta: con aiuti esterni. Genitori, nonni, parenti e i trasferimenti pubblici. Oppure con il lavoro nero, nel poco tempo libero a disposizione. Tanto, mica si potrebbe impiegarlo al ristorante.

Fonte: www.ageingsociety.com

Condividi questo articolo