Turismo: divieto di balneazione su alcuni tratti della costa adriatica

Sulla riviera adriatica, la stagione estiva non sembra essere iniziata sotto la luce migliore. Da ieri infatti è scattato il divieto di balneazione, in via preventiva, su alcuni tratti del litorale. A segnalarlo sono stati molti turisti e villeggianti che si sono rivolti agli sportelli di Federconsumatori per avere chiarimenti e avere assistenza. Il provvedimento sembra essere scaturito da una nota firmata dalle Aziende sanitarie locali e dall’Arpa, a seguito degli esiti delle valutazioni dei risultati del monitoraggio effettuato nella mattinata di martedì 14 giugno. Si tratta di un divieto temporaneo, che durerà fino a quando le nuove analisi di Arpa non dichiareranno parametri torneranno nella norma.

Le analisi hanno infatti rilevato la presenza di colibatteri (Escherichia coli), probabilmente portati in mare in seguito alle ultime mareggiate. I bagnini, gli stabilimenti e le strutture balneari hanno già provveduto a esporre il divieto di balneazione.

“Quello che risulta estremamente carente è l’informazione ai cittadini sulle cause e sui rischi per la loro salute”, precisano da Federconsumatori, “Per questo invitiamo le autorità locali a disporre immediatamente un piano di informazione tempestiva e capillare, in modo da non mettere a rischio i cittadini che, proprio in questo periodo, iniziano ad affluire sul litorale adriatico”.

Per ricevere informazioni e supporto, l’associazione ha messo a disposizione il numero dello sportello  SOS Turista (059 251108) e l’indirizzo info@sosvacanze.it a cui poter scrivere.

Condividi questo articolo