Vino, passione dei vip!

Il vino è sempre più una passione per i personaggi famosi: soprattutto nel mondo dello sport e dello spettacolo, ma anche della musica, della moda e della cultura, sono in molti quelli che hanno deciso di investire in vigneti.

Il vino è sempre più una passione per i personaggi famosi. Il petroliere russo e proprietario del londinese Chelsea, Roman Abramovich è infatti solo l'ultimo di una lunga serie.

Soprattutto nel mondo dello sport e dello spettacolo, ma anche della musica, della moda e della cultura, sono in molti quelli che hanno deciso di investire in vigneti.

Quello che prima era un hobby è diventato, per alcuni, un vero e proprio business. E gli esempi non sono pochi.

L'attrice Ornella Muti ha, ad esempio, acquistato l'abbazia di Vallechiara in provincia di Alessandria e produce Dolcetto d'Ovada. Stefania Sandrelli con Giovanni Soldati, nella fattoria Villa Nano sulle colline senesi, hanno puntato sul Chianti docg 'Acino d'uvà, mentre Ottavio Missoni ha vigneti nelle Langhe.

Claudia Mori con il marito Adriano Celentano, ha acquistato un podere vicino a Radda in Chianti, con annesso vigneto.

Al Bano, ormai da decenni, produce vino bianco e rosso nella sua tenuta di Cellino San Marco. La regista Lina Wertmuller è socia dall'anno di fondazione, il 1979, dell'azienda agricola di Rodendo Saiano, a Brescia in Franciacorta.

Tra i cantautori anche Ron ha investito in vigna producendo un rosso e un bianco Igt nell'Oltrepò Pavese con l'etichetta 'Fracent'annì. imbottiglia, invece, vino rosato in Sicilia e il genovese Bruno Lauzi produce nell'astigiano il 'Barbera del Cantautore'.

Non mancano neanche gli artisti stranieri che hanno eletto l'Italia a qualcosa di più che ad una semplice meta turistica. Tra questi spiccano Mick Hucknall: voce dei Simply Red che in Sicilia produce Nero D'Avola o l'attrice francese Carole Bouquet proprietaria di dieci ettari di terreno a Pantelleria con vigneti, uliveti e piantagioni di capperi, mentre uno dei primi, tra i vip, ad arrivare nel Chianti è stato Sting che da tempo 'firma' il suo vino.

Ma anche il mondo dello sport non resta a guardare.

Il campione mondiale di apnea Gianluca Genoni, sempre nell'Oltrepò, produce tre varietà di vino biologico (rosso, bianco e moscato) dai nomi legati alle sue immersioni.
L'ex patron della Lazio, Sergio Cragnotti produce bottiglie pregiate di Nobile di Montepulciano con tre anni di invecchiamento.

Il più noto nel mondo del calcio è Nils Liedholm. L'allenatore dello Roma tricolore a Cuccaro Monferrato, nella sua fattoria, produce da anni vini di qualità ottenendo per il suo lavoro più di un premio. In passato ha anche messo in bottiglia un Barbera con una speciale etichetta sullo scudetto della Roma. L'ultimo in ordine di tempo è stato Paolo Rossi che in Val d'Ambra, tra le colline aretine, ha iniziato a produrre il 'Borgo Cennina'.


Ma non c'é bisogno di appendere le scarpe al chiodo per cominciare a indossare i panni del vignaiolo: il giovane tarantino Nicola Legrottaglie, ora stopper del Siena, ha da poco iniziato l'avventura nel mondo del vino con il brand 'Tenuta Legrottaglie'.

Dal calcio al ciclismo: Francesco Moser per molti anni socio della Cantina La Vis, una delle più importanti realtà cooperative del mondo del vino italiano produce nell'azienda di famiglia oltre 100.000 bottiglie. La 'febbre' del vino coinvolge anche i campioni delle quattro ruote.


Jean Alesi, indimenticato pilota della Ferrari, produce nel suo Chateau de Segreis, circa quattro ettari vitati, un Cote du Rhone apprezzatissimo dal nome 'Clos de l'Hermitage.'
Portano invece la firma di Jarno Trulli, prima guida del Team Toyota, i vini dell'azienda Podere Castorani, in provincia di Pescara.


Fonte Ansa

Condividi questo articolo