L’ equiseto un prezioso collaboratore dell’orto biologico

L’equiseto, detto anche coda di cavallo, è una pianta erbacea perenne, molto diffusa nei terreni sabbiosi o argillosi umidi, quindi specialmente in prossimità di depositi d’acqua. Si trova anche lungo i margini delle strade, ma preferibilmente lungo i corsi d’acqua o sulle rive degli stagni.

In agricoltura biologica l’equiseto viene utilizzato per la difesa dalle malattie crittogamiche (fungine) e come antiparassitario contro gli afidi e il ragnetto rosso, ma contro tutti i parassiti in genere. Può essere preparato per l’uso in diversi modi. Qui sotto elenco le dosi e le modalità di preparazione.

Dose

Si può usare l’equiseto fresco o quello essiccato. la dose è di 1 kg di pianta fresca in 10 litri di acqua, oppure 150 grammi nella stessa quantità.

Preparazione

Si può preparare un macerato di equiseto, nel seguente modo:

In un contenitore versare la quantità desiderata di acqua fredda, e immergervi la quantità corrispondente di equiseto fresco o secco secondo le dosi indicate più sopra.

Siccome generalmente nell’orto non servono grandi quantità, si possono mettere 200 gr di equiseto fresco (senza le radici) in 2 lt di acqua oppure, per esempio, 75 gr di equiseto secco in 5 lt di acqua.

La macerazione deve durare almeno 5 giorni, girando almeno una-due volte al giorno. Al termine filtrate il liquido, che deve essere diluito in 5 parti di acqua dopodiché può essere spruzzato sulle piante sia contro le infezioni fungine (per esempio come prevenzione di oidio e peronospora) sia come antiparassitario.

Per avere un prodotto anticrittogamico più efficace si può preparare un decotto, con queste modalità:

Mettete a bagno l’equiseto in acqua fredda per una giornata, poi fatelo bollire per venti minuti. Lasciate raffreddare, filtrate, diluite con 5 parti di acqua e irrorate le piante e il terreno sottostante vicino al gambo.

Non conservate il prodotto che avanza, ma spargetelo lungo le file delle piante, dove avrà un effetto fertilizzante.

Fonte: www.coltivarelorto.it

La macerazione deve durare almeno 5 giorni, girando almeno una-due volte al giorno. Al termine filtrate il liquido, che deve essere diluito in 5 parti di acqua dopodiché può essere spruzzato sulle piante sia contro le infezioni fungine (per esempio come prevenzione di oidio e peronospora) sia come antiparassitario – See more at: http://www.coltivarelorto.it/AB/600-parassiti/0030-600-0007.html#sthash.Dv7gZrbU.dpuf
n agricoltura biologica l’equiseto viene utilizzato per la difesa dalle malattie crittogamiche (fungine) e come antiparassitario contro gli afidi e il ragnetto rosso, ma contro tutti i parassiti in genere. Può essere preparato per l’uso in diversi modi. Qui sotto elenco le dosi e le modalità di preparazione – See more at: http://www.coltivarelorto.it/AB/600-parassiti/0030-600-0007.html#sthash.Dv7gZrbU.dpuf
In agricoltura biologica l’equiseto viene utilizzato per la difesa dalle malattie crittogamiche (fungine) e come antiparassitario contro gli afidi e il ragnetto rosso, ma contro tutti i parassiti in genere. Può essere preparato per l’uso in diversi modi. Qui sotto elenco le dosi e le modalità di preparazion – See more at: http://www.coltivarelorto.it/AB/600-parassiti/0030-600-0007.html#sthash.NTqd3tTP.dpuf
In agricoltura biologica l’equiseto viene utilizzato per la difesa dalle malattie crittogamiche (fungine) e come antiparassitario contro gli afidi e il ragnetto rosso, ma contro tutti i parassiti in genere. Può essere preparato per l’uso in diversi modi. Qui sotto elenco le dosi e le modalità di preparazion – See more at: http://www.coltivarelorto.it/AB/600-parassiti/0030-600-0007.html#sthash.NTqd3tTP.dpuf
In agricoltura biologica l’equiseto viene utilizzato per la difesa dalle malattie crittogamiche (fungine) e come antiparassitario contro gli afidi e il ragnetto rosso, ma contro tutti i parassiti in genere. Può essere preparato per l’uso in diversi modi. Qui sotto elenco le dosi e le modalità di preparazion – See more at: http://www.coltivarelorto.it/AB/600-parassiti/0030-600-0007.html#sthash.NTqd3tTP.dpuf

Condividi questo articolo