L’Erba Luigia, o Cedrina, o Lippia. Utilissima nell’orto e nel giardino

 La Aloysia citriodora è una pianta arbustiva  della famiglia delle Verbenacee. Il nome Erba Luigia le è stato dato in omaggio a Maria Luisa di Parma, moglie di Carlo IV di Spagna, vissuta tra il 1700 e il 1800. L’appellativo citriodora vuole ricordare il suo  intenso profumo di limone 

L’Erba Luigia in effetti non è proprio un’erba, sia per il suo ciclo vitale (si tratta di una perenne) sia per la sua crescita: si tratta di un arbusto che può assumere anche l’aspetto di un discreto cespuglio, infatti può raggiungere l’altezza di tre metri nella sua crescita.

Le foglie soni lanceolate, di colore verde chiaro, e d’inverno cadono. Emanano un gradevole profumo di agrumi, somile a quello della Melissa. Per questa proprietà l’Erba Luigia viene usata anche in funzione di repellente per le zanzare, coltivandola in grossi vasi che nei periodi adatti possono essere avvicinati ai luoghi da proteggere.

E’ diffusa in tutta l’Europa, ma la sua origine è nell’America del Sud, dove cresce allo stato selvatico in Cile, Perù e Argentina. I fiori dell’Erba Luigia sono  piccoli e bianchi o lilla., raggruppati a formare  infioresenze a spiga.

In Italia  è conosciuta anche come Cedrina, Lippia, Limoncina o Verbena odorosa.

Dalle sue foglie si estrae un olio essenziale usato nell’industria cosmetica. Le foglie e i fiori essiccati si possono usare per profumare gli ambienti, come si fa con la lavanda.

Può essere usata per preparare delle tisane rilassanti, in quanto  contiene melatonina, una sostanza usata come rilassante naturale che concilia il sonno.

Le foglie giovani, i rametti apicali e i fiori da conservare si raccolgono verso la fine della primavera, oppure all’inizio dell’autunno.

Può essere usata per preparare delle tisane rilassanti, in quanto  contiene melatonina, una sostanza usata come rilassante naturale che concilia il sonno.

Le foglie giovani, i rametti apicali e i fiori da conservare si raccolgono verso la fine della primavera, oppure all’inizio dell’autunno.

 

Fonte: www.coltivarelorto.eu/art_88200-07149-cedrina.html

Condividi questo articolo