Come Curare l’Alito Cattivo


Ci sono molti metodi per coprire l’alito cattivo, ma se sei stufo di affidarti a rimedi temporanei e vuoi sconfiggere l’alitosi una volta per tutte, segui queste istruzioni.


Lava la tua bocca con cura e regolarità. Le due cause principali del cattivo odore in bocca sono i batteri e le particelle di cibo in decomposizione. Ci sono centinaia di nicchie e fessure nella cavità della tua bocca dove questi agenti si possono depositare. Spazzolare non è sufficiente.
Lavati la lingua. Sfortunatamente, la tua lingua è come un tappeto a pelo lungo in cui si possono nascondere particelle puzzolenti di tutti i tipi. Quando ti lavi i denti (almeno due volte al giorno) usa lo spazzolino, la punta di un cucchiaio o un puliscilingua per “raschiare” la tua lingua.

Se hai un riflesso faringeo abbastanza sensibile, questo passaggio potrebbe non piacerti. È necessario che tu pulisca l’intera lingua, compresa la parte vicina alle tonsille e alla gola.


Usa il filo interdentale. Rendila un’abitudine automatica, come il lavarsi i denti. Le prime volte potresti avere un po’ di sanguinamento delle gengive quando rimuovi pezzetti di cibo rimasti incastrati tra i tuoi denti e gengive per chissà quanto. Se hai il coraggio, prova ad annusare l’odore del filo interdentale dopo che lo hai fatto passare tra i denti. Sentirai subito da dov’è che proviene l’alito cattivo.


Mantieni umida la tua bocca. Una bocca asciutta è una bocca puzzolente. È per questo motivo che il tuo alito non è proprio celestiale quando ti svegli alla mattina: la tua bocca produce meno saliva mentre dormi. La saliva è nemica dell’alito cattivo perché serve non solo a lavare fisicamente via i batteri e le particelle di cibo, ma anche ad uccidere i batteri con gli enzimi e gli antisettici che contiene.

Le gomme da masticare sono utili per stimolare la produzione di saliva (oltre che per coprire l’odore con una certa fragranza). La menta non stimola la produzione di saliva.
Bevi acqua. Forse non stimolerà necessariamente la produzione di saliva, ma servirà a sciacquare la bocca e comunque fa bene.


Una bocca secca può essere l’effetto di alcuni farmaci o patologie. Chiedi al tuo medico di cambiare le tue prescrizioni o di visitarti per comprendere quale sia il problema che causa questo effetto.
Scegli con attenzione le gomme da masticare. Come detto nel paragrafo precedente, qualsiasi gomma è utile per combattere l’alito cattivo perché la masticazione stimola la produzione di saliva. Alcune gomme, tuttavia, sono più efficaci di altre:

Le gomme alla cannella sembrano essere particolarmente efficaci per ridurre il numero dei batteri nella tua bocca.


Cerca di comprare gomme che usano lo xilitolo come dolcificante. Tanto per cominciare, lo zucchero non fa per niente bene alla tua bocca e ai tuoi denti. Inoltre, lo xilitolo è un succedaneo dello zucchero che riesce a prevenire efficacemente la proliferazione dei batteri nella bocca.
Mangia una banana. Probabilmente sai già che è meglio evitare cibi che notoriamente creano cattivi odori come l’aglio, la cipolla, il formaggio e il caffè (se proprio non vuoi farne a meno, ricorda di spazzolare e sciacquare a fondo dopo averli mangiati), ma sapevi che se stai seguendo una dieta a basso apporto di carboidrati potresti avere il “respiro chetonico”? In pratica, mentre il tuo corpo consuma i grassi al posto dei carboidrati per generare energia, crea dei chetoni, alcuni dei quali vengono rilasciati nella tua bocca. Sfortunatamente, i chetoni puzzano, quindi anche il tuo alito non sarà grandioso. Se stai seguendo una dieta severa a basso apporto di carboidrati, o una qualsiasi dieta che spinge il tuo corpo a bruciare i grassi al posto dei carboidrati, prendi in considerazione l’idea di aggiungere dei cibi ad alto contenuto di carboidrati (ma comunque salutari), come mele o banane, alla lista delle pietanze consentite.



Questa condizione può verificarsi anche nelle persone che digiunano, sia per motivi religiosi, sia perché sono anoressiche. Se soffri di anoressia, l’alito cattivo è una ulteriore ragione per smettere di affamarti da solo.
Consulta un medico. Se hai seguito diligentemente i passaggi descritti sopra e l’alitosi persiste, potresti avere un problema clinico (non necessariamente serio) che deve essere affrontato con l’aiuto di uno specialista. Ecco alcune delle possibili cause:

Tonsillliti (calcoli tonsillari). Si tratta di grumi di cibo calcificato, muco e batteri che appaiono sulle tue tonsille come macchioline bianche. Alla vista possono essere scambiate per una infezione della gola, sebbene a volte non siano visibili ad occhio nudo. Potresti anche accorgertene dal sapore metallico che si crea in bocca, o dal dolore che potresti sentire quando inghiotti.


Chetoacidosi diabetica. Se hai il diabete, il tuo corpo potrebbe stare cercando di bruciare i grassi al posto del glucosio, causando il respiro chetonico di cui abbiamo parlato al punto precedente. Questa è una patologia seria che deve essere affrontata e curata il prima possibile.
Trimetilaminuria. Se il tuo corpo non è capace di degradare una sostanza chiamata trimetilammina (a causa di un difetto nella produzione dell’enzima flavina monoossigenasi), quest’ultima viene rilasciata nella tua saliva, causando un cattivo odore. Oltre che nella saliva, risulta presente anche nel sudore, quindi un cattivo odore persistente del corpo può essere un sintomo di accompagnamento.


Consigli
Lavarsi la bocca è solo una soluzione temporanea. Serve solamente a mascherare l’odore.
I microbi si trovano naturalmente in tutte le parti del corpo. In alcune aree, tra cui la bocca, i batteri possono essere utili e benefici per la salute.
Quando ti lavi i denti, ricordati di spazzolare anche la lingua. Questo, oltre che una buona norma igienica, è anche un buon metodo per prevenire/curare l’alito cattivo.


Avvertenze
Non smettere di assumere farmaci che ti sono stati prescritti dal medico senza prima averlo consultato.
A volte, l’alito cattivo è causato da una patologia, come ad esempio la tonsillite. Se sei preoccupato, o se l’odore persiste, consulta un medico.
Se hai degli animali, fai attenzione con le gomme allo xilitolo – possono essere tossiche per i cani.
Fonte: http://it.wikihow.com

Condividi questo articolo