Dieta mediterranea, amica (anche) dei reni

insalata

La dieta mediterranea, una toccasana per i nostri reni. Oltre a tenerci lontani dalla sindrome metabolica, dall’Alzheimer e a far bene alla vita sessuale, questo tipo di alimentazione aiuta anche i reni, riducendo le probabilità di sviluppare la malattia renale cronica.

Quest’ultima a lungo andare provoca la perdita parziale e totale della funzionalità renale. Ma la dieta mediterranea può abbassare significativamente il rischio di svilupparla, secondo uno studio della Columbia University Medical School pubblicato sul Clinical Journal of American Society of Nephrology (CJASN) .

È già stato accertato che dopo aver sviluppato la malattia renale cronica, l’alimentazione tende a svolgere un ruolo di primo piano nella sua progressione, ma quali cambiamenti possiamo introdurre nella nostra dieta per prevenirla? Secondo lo studio condotto da Minesh Khatri, seguire strettamente la dieta mediterranea può ridurre il rischio di sviluppare una malattia renale cronica fino al 50 per cento e del 42% di andare incontro al rapido declino della funzione renale.

Per giungere a questa conclusione i ricercatori hanno esaminato le associazioni dei vari gradi della dieta mediterranea alla funzione renale a lungo termine in un studio prospettico basato su un campione formato da 900 persone, seguite per quasi 7 anni, durante i quali sono stati misurati nei soggetti i livelli di creatinina.

Ogni punto più alto ottenuto – che indicava una migliore aderenza a questo tipo di alimentazione – è stato associato a un rischio inferiore del 17% di sviluppare la malattia renale cronica.

“Molti studi hanno trovato un’associazione favorevole tra la dieta mediterranea e una varietà di risultati legati alla salute, inclusi quelli relativi a malattie cardiovascolari, il morbo di Alzheimer, diabete e cancro, tra gli altri,” ha detto il dottor Khatri. La dieta mediterranea prevede un maggior consumo di frutta, verdura, pesce, legumi e grassi salutari per il cuore, riducendo al minimo le carni rosse, prodotti alimentari trasformati e i dolci.

Prevenire le malattie a tavola, è questa la strada. E questa è solo una ulteriore conferma.

Francesca Mancuso
Fonte: greenme.it

Condividi questo articolo