LA STEVIA

stevia

Una foglia nel caffè e addio allo zucchero.
 Non fa ingrassare e si coltiva in casa. Si trattava della descrizione della Stevia Re-baudiana e del .suo utilizzo. Così ho cercato di documentarmi attraverso il web e di trattarla in questa rubrica.

LE ORIGINI

La Stevia e in piccolo arbusto perenne, originaria del Centro America, precisamente di una zona fra Paraguay e Brasile. Vegeta nei luoghi sabbiosi montani a cespuglio, alta fino a 80 cm, ha foglie opposte, oblunghe seghettate lunghe circa 5 ccntimetri e larghe 2, i fion sono piccoli e bianchi.

Le foglie contengono glu-cosidi dilerpenici (Stevio-sìdc e Rebaudisidc che hanno un marcato sapore dolce), proteine, fibre, carboidrati, ferro, fosforo, calcio, sodio, potassio, magnesio, zinco, un flavonoi-de (rutin). Vii A e C ed un olio che contiene a sua volta più di 50 elementi.

DOLCE COME ZUCCHERO

È usata dagli indiani Gua-ranay Un dai tempi più remoti per addolcire i loro “yerbe mate” e altre bevande stimolanti. Dalle foglie di questa pianta, prive di calorie ma trenta volte più dolci dello zucchero, si può ottenere un succo concentrato molto dolce, da cui si può ricavare una polvere bianca, anch’essa dolcissima (dalle 70 alle 400 volte più dolce dello zucchero). Sia il succo che le foglie tritate hanno un sapore dolce con un retm gusto aromatico che richiama quello della Liquirizia e dell’Anice. Con le foglie tritate si può cospargere il cibo che si vuole addolcire, le particelle. rimanendo integre, danno una sensazione di dolcezza più duratura.

Lo Stevioside e il Rebau-dioside non vengono me-tabolizzati e non contengono calorie, hanno l’aspetto di polvere bianca, se raffinati, e sapore molto dolce. Si possono ottenere per estrazione Ìdroalcolìca o acquosa con successiva evaporazione del liquido estrattivo. Nei luoghi di origine la Stevia e considerata una delle migliori piante officinali esistenti, infatti, oltre al potere dolcificante, le vengono riconosciute proprietà, ipoten-sive. ant i fungine e ipogli-cemiche. per cui è utilizzata per regolare il tasso di glucosio nel sangue, per ridurre il desiderio di dolci, per attenuare l’appetito, per migliorare la digestione e per prevenire la carie e le infezioni gengivali. La foglia intera e benefica non solo per l’organismo ma anche per la pelle, le maschere facciali fatte con le sue foglie distendono e ammorbidiscono l’epidermide.

DAI CONQUISTADORES Al. BOTANICO

I conquistadores spagnoli portarono in Europa, per primi nel scdìcesimo secolo. notizie “della pianta dolce del miele” usata dai nativi del Sud America. Tuttavia, la prima descrizione scientifica della Stevia si deve al botanico paraguaiano M. S. Bretoni nel 1S99 e solo intomo al 1908 è stata segnalata la presenza dei primi dolcificanti a base dì Stevia.

Ancora oggi a Rio De Janeiro si sta continuando a studiare l’uso della Stevia che viene considerata il dolcificante del futuro. Nella città di Bilingui la pianta e talmente popolare che in tutti i bar si può trovare il il thè di Stevia: inoltre questa pianta è usata per dolcificare i succhi di fmtla. i frappe, il latte ed il caffè.

Tuttavia, attualmente i derivati della Sievia. non sono in vendita come gli altri dolcificanti nell’Unione Europea e neppure in U.S.A. e in Canada, perche, sostengono gli esperti:

“Non ci sono abbastanza dati per concludere che il suo uso sia sicuro”.

Così sembra quasi sottinteso che si e sicuri della innocuità di quelli in uso oggi. Mentre in Giappone dagli anni ’70, quando furono messi Ìn discussione molti dolcificanti, la Stevia e i suoi derivati vengono utilizzati per edulcorare alimenti e fi n’ora non sono stati segnalati effetti avversi dopo 30 anni di uso. A questo punto e spontaneo chiedersi: queste difficoltà derivano forse dal fatto che la Stevia e una pianta esistente in natura, quindi non brcvcttabilc?

LA RICERCA

Gli scienziati europei sostengono che la Stevia e i suoi derivati potrebbero avere qualche influenza sul sistema riproduttivo maschile. Infatti, quando topi maschi venivano alimentati con alte dosi di Stevioside per 22 mesi, la produzione di sperma risultava ridotta ed inoltre un ampio uso di Stevioside può interferire con l’assorbimento dei carboidrati e impedire la conversione dei cibi in energia nelle cellule, ma va ricordato che ogni abuso può essere dannoso compreso quello della Stevia.

Chi volesse avere un esemplare di questa piantina, può trovarla in vendita presso qualsiasi vivaio al costo di circa quattro euro. ed e facile da coltivare. d’estate si tiene all’estemo in giardino o sul balcone o in un contenitore per piante ricadenti, il vaso deve essere ben dre-nato, perche i ristagni di acqua le procurerebbero danni alle radici. Ìl substrato deve essere un miscuglio di torba bionda 60% e di torba scura 40%. La pianta deve essere cimata a 10-12 cm dì altezza così sì avrà sempre lo sviluppo di getti ascellari che andranno cimati a loro volta per ottenere tralci robusti ad alto potere dolcificante, le foglie vanno essiccate all’ombra. La maggiore produttività si ha dalla primavera all’autunno, con i primi freddi e opportuno tenere la pianta all’interno, ma ben esposta alla luce. Io ne ho comprato un esemplare e ne aggiungo qualche foglia alle mie tisane per non addolcire con zucchero.

Di Donatella Alfonso, “Repubblica del 13-07-2000″

di Carolina Bosco Mastromarìno

Condividi questo articolo