E-commerce, Ocse: tutelare dati e privacy per rafforzare fiducia dei consumatori

La normativa a tutela dei consumatori deve essere aggiornata per rispondere ai nuovi rischi creati dall’e-commerce, considerando anche le App gratuite e il peer-to-peer, e per garantire transazioni sicure sul web. E’ quanto chiede agli Stati l’Ocse nella nuova versione della “Raccomandazione sul Commercio Elettronico” adottata il 24 marzo scorso e resa pubblica ieri. La Raccomandazione tocca anche la privacy, fondamentale per rafforzare la fiducia dei consumatori in un mercato di e-commerce dinamico e complesso.
La prima Raccomandazione dell’Ocse sul commercio elettronico risale al 1999, quando la spesa per l’e-commerce era ben al di sotto dell’1% del totale di vendita al dettaglio. Quindici anni più tardi, queste percentuali sono salite ad oltre il 7% in Europa e all’11% negli Stati Uniti. La metà delle persone in tutto il mondo OCSE ha compiuto un acquisto online nel 2014.

La nuova Raccomandazione affronta diverse questioni emerse recentemente nell’ambito dell’e-commerce, tra cui: le transazioni “non monetarie” in cui la fruizione di beni o servizi è solo apparentemente gratuita, ma di fatto scambiata con dati ed informazioni personali; le transazioni consumer-to-consumer; il crescente utilizzo di dispositivi mobili per l’e-commerce e le conseguenti sfide tecnologiche per garantire l’efficacia delle informazioni da fornire ai consumatori (ad esempio, per via delle ridotte dimensioni degli schermi); la privacy e la sicurezza, soprattutto in transazioni Business to Consumers; il ruolo che possono svolgere le Autorità di tutela dei consumatori.

Al fine di sostenere il mercato del commercio elettronico e migliorare la fiducia degli utenti, l’Ocse rimarca più volte la necessità di rafforzare la tutela dei dati personali implementando adeguate misure di sicurezza contro violazioni e cyber-attacchi, ed evitando che le imprese adottino pratiche ingannevoli per la raccolta e l’utilizzo dei dati personali dei consumatori. Particolare attenzione deve essere posta, tra l’altro, alla corretta informazione dei consumatori per consentire loro di esercitare scelte consapevoli, alla riduzione del rischio del furto di identità, alla tutela dei pagamenti on-line.

Condividi questo articolo