Olio di Calabria, via libera all’iscrizione del prodotto nel registro IGP

Via libera della Commissione Europea all’iscrizione di un nuovo prodotto italiano nel registro delle indicazioni geografiche protette (IGP); si tratta dell’olio extravergine ottenuto da olive coltivate nella regione Calabria.

“Documentazioni commerciali risalenti al 1865 testimoniano che il binomio Olio-Calabria, e di conseguenza il legame tra territorio e prodotto, è una realtà già da molto tempo”, si legge nella nota della Rappresentanza in Italia della Commissione Europea.

Negli ultimi anni l’olio di Calabria ha ricevuto numerosi riconoscimenti in occasione di competizioni nazionali e internazionali e questa nuova indicazione, la 291ª d’Italia, va ad aggiungersi agli oltre 1.380 prodotti già protetti come parte del “Door, il registro che contiene oltre 1.380 specialità gastronomiche Dop, Igp e Stg.

“L’approvazione definitiva da parte della Commissione europea della domanda di registrazione nell’elenco delle indicazioni geografiche protette (Igp) dell’Olio di Calabria rappresenta, finalmente, la giusta e meritata conclusione di un percorso che, per un verso, certifica incontestabilmente il livello di qualità produttiva raggiunta dal comparto olivicolo regionale e dall’altro ci pone ora di fronte ad una precisa responsabilità”, ha dichiarato, secondo quanto riportato da fonti stampa, il Presidente di Confagricoltura Calabria, Alberto Statti. “Tutti quanti, infatti, dobbiamo assumere la piena consapevolezza di avere in Calabria un sistema agricolo ed agroalimentare che è un asset decisivo per i destini di questa regione; di fronte a chi si impegna a promuovere il consumo locale dei prodotti occorre sottolineare che la sfida vera ed autentica riguarda invece la capacità di guardare oltre i confini regionali, di esportare i prodotti, di veicolare l’immagine positiva di una Regione di “eccellenze”, di consentire alle imprese una redditività più adeguata e sostenuta”.

Condividi questo articolo